"2001, Odissea nello spazio": 50 anni e non sentirli

Cinquant'anni, ma non sembra. 2 aprile 1968: viene proiettato in prima mondiale il nuovo film di Stanley Kubrick, "2001: A Space Odyssey"

2 Aprile 2018 alle 09:26

Cinquant’anni, ma non sembra. 2 aprile 1968: all’Uptown Theater di Washington viene proiettato in prima mondiale il nuovo film di Stanley Kubrick, “2001: A Space Odyssey”. Il 3 a New York, il 4 a Los Angeles. Accoglienza freddissima. La prima al Capitol Theatre di Broadway è un mezzo disastro: il pubblico ride degli scimmioni delle sequenze iniziali. A Los Angeles più di duecento spettatori lasciano la sala prima della fine. Pauline Kael, all’epoca la regina della critica cinematografica americana, lo definisce sul New Yorker “trash mascherato d’arte”. Per Renata Adler, del New York Times, è “un film molto complicato, fiacco, in cui passa quasi mezz’ora prima che appaia una figura umana sullo schermo”. Un disastro? Non proprio. L'“epic drama of adventure and exploration” diventerà in breve nelle locandine “The ultimate trip”, la stessa generazione che riempiva le piazze americane ed europee invertirà la tendenza, i critici colti di sorpresa cambieranno opinione. A Los Angeles il film rimase in programmazione per 103 settimane. Di nuovo a Cannes, “nello splendore del 70 millimetri”, il 12 maggio prossimo, e dal 18 nelle sale americane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • 75mxa

    02 Aprile 2018 - 16:04

    Grandissimo film "2001, odissea nello spazio" ma il capolavoro di Kubrick e' "Barry Lyndon"!

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    02 Aprile 2018 - 12:12

    Il film di Stanley Kubrick uscito nel 1958 proiettò la fantasia umana nel futuro,i giovani ( detti poi i sessantottini) uscivano dal cinema e mettevano l'orologio un secolo indietro.

    Report

    Rispondi

Servizi