cerca

La dottrina di Travaglio si fa elastica

“Se Augusto Barbera accetta di uscire per prescrizione dall’inchiesta sui concorsi universitari truccati, dovrebbe dimettersi da giudice costituzionale o rinunciare alla prescrizione e farsi processare insieme ai colleghi rimasti imputati per fatti più recenti”. La dottrina Travaglio, sulla questione degli avvisi di garanzia e gli incarichi pubblici, da rigida  si è fatta elastica.

9 Agosto 2016 alle 06:11

La dottrina di Travaglio si fa elastica
“Se Augusto Barbera accetta di uscire per prescrizione dall’inchiesta sui concorsi universitari truccati, dovrebbe dimettersi da giudice costituzionale o rinunciare alla prescrizione e farsi processare insieme ai colleghi rimasti imputati per fatti più recenti”. La dottrina Travaglio, sulla questione degli avvisi di garanzia e gli incarichi pubblici, da rigida  si è fatta elastica. Il direttore del Fatto, a proposito di un possibile avviso di garanzia all’ assessore Muraro aveva spiegato ai suoi lettori che, anche fosse, nulla obbligherebbe l’ex consulente a dimettersi dall’incarico nella giunta pentastellata romana. La brusca torsione dottrinaria rispetto a casi precedenti di assessori di altro colore è evidente. Talmente evidente da far ricordare l’aureo principio che sconsiglia dall’infierire. Era però  lecito pensare che alla virata seguisse un periodo di assestamento sulla nuova rotta.  Invece con il professore Barbera, che non è ritenuto contrario alla riforma costituzionale, si torna all’antico. Non resta che prenderne atto.  Ma c’è di più. Le dimissioni, sostiene magnanimo il Nostro, Barbera potrebbe anche risparmiarsele. A patto di rinunciare alla prescrizione. Solo che il professore, anche volendo, non può farlo e Travaglio, che impartisce lezioni di procedura a destra e a manca, lo sa benissimo. La rinuncia alla prescrizione è una facoltà dell’imputato, e nessuno ha rinviato a giudizio il  professore Barbera che dunque non può avvalersene. Sulla base di questa palese falsificazione, Marco Taradash chiede un intervento dell’ordine dei giornalisti. Ha ragione ma temo sia tempo perso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi