cerca

One Child Nation

L’orrore cinese in un rapporto del Cato

Da 300 milioni di aborti a un quinto di donne sterilizzate

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

24 Luglio 2020 alle 06:00

L’orrore cinese in un rapporto del Cato

Foto LaPresse

Roma. Sterilizzazioni, aborti forzati, “genocidio demografico”. E’ l’ultima accusa rivolta alla Cina nelle scorse settimane sulla campagna che Pechino starebbe conducendo contro gli uiguri. I cinesi hanno imparato a farlo in quarant’anni di politica del figlio unico. A tracciarne il bilancio spaventoso è l’americano Cato Institute.    “300 milioni di donne cinesi cui hanno impiantato dispositivi intrauterini modificati per essere inamovibili senza intervento chirurgico, oltre 100 milioni di sterilizzazioni e 300 milioni di aborti”. E questi sono soltanto alcuni numeri....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Pierucciu

    25 Luglio 2020 - 10:27

    Non si capisce la conclusione del suo articolo: chi sono i malthusiani occidentali? Come fa dire che costoro convinsero i cinesi a fare alcunche'?

    Report

    Rispondi

Servizi