cerca

“Se non ora quando” critica il ddl Zan: “Il gender cancella le donne”

La nuova legge contro l’omofobia e le discriminazione spaventa anche le femministe. E c’è già un appello per cacciare l’ArciLesbica “transofoba”

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

1 Luglio 2020 alle 06:00

“Se non ora quando” critica il ddl Zan: “Il gender cancella le donne”

Roma, manifestazione femminista a Montecitorio

Roma. “Ecco la legge contro l’omofobia che spaventa i vescovi”, ha titolato l’Espresso. Sarebbe stato seducente e manicheo. I diritti, l’illuminismo e la libertà tutti da una parte; la regressione, l’oscurantismo e la costrizione tutte dall’altra. Troppo facile. Il ddl Zan sta spaventando anche tante femministe. Con una lettera ai parlamentari e al deputato del Pd relatore della nuova legge contro l’omofobia e le discriminazione, sono le femministe di “Se non ora quando” a prendere posizione contro il gender contenuto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi