Ecco chi doveva fare manutenzione a San Giuseppe dei Falegnami

Andrea Marcenaro

A Roma è crollato il tetto della chiesa. “La proprietà è del Vicariato, la manutenzione spetta al Mibac”, dice la direttrice del Parco archeologico. Che stai a dicere, Giggì?

A Roma è crollato il tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami. Pazienza, capita. Ma si trattava di un tetto del noto Giuseppe, il primo tra i Genitori Due, patrono dei falegnami, ed erano in legno di quercia, le travi, mica in cemento armato precompresso, avrà obiettato il solito stronzo che non manca mai. E di nuovo pazienza, invece, perché le persone di buonsenso sanno che perfino questo può capitare. Figurarsi poi se è Papa Ciccio, a portare sulle spalle le volte della chiesa. Finché non senti la dottoressa Alfonsina Russo, direttrice del Parco archeologico del Colosseo, buttare lì: “La chiesa è di proprietà del Vicariato, mentre la manutenzione è di competenza del Mibac”. Vale a dire del Ministero dei Beni e delle Attività culturali. Vale a dire dello stato. Vale a dire, per il momento, del governo che c’è. La competenza, ha detto proprio la dottoressa. Della manutenzione. Comme? Che stai a dicere, Giggì? Che ‘a vulisse subbito passa’ ai Benettòn?

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.