cerca

Consigli utili ai magistrati di Palermo

Forse i giudici del processo sulla Trattativa farebbero meglio a trovarsi un lavoro diverso e più stimolante

21 Aprile 2018 alle 06:14

La “svolta buona”. Promosso dal Csm il pm che disse no al teorema della Trattativa

L'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo dove si svolgono le udienze del processo sulla presunta trattativa (foto LaPresse)

Tutto finalmente cambia, l’Italia intera scoppietta, niente è certo, le sorprese sono all’ordine del giorno e le usanze di ieri stanno andando gambe all’aria. Sarebbe allora una novità interessante, e in armonia coi tempi, se i magistrati di Palermo, i quali ieri hanno condannato il generale Mario Mori e altri nel processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, decidessero in piena autonomia di rendersi altrettanto utili alla società applicandosi a un lavoro diverso e forse più stimolante addirittura per loro stessi. Nel caso ritenessero l’idea degna di considerazione, il consiglio è però di affrettarsi: i lavori migliori costituiscono oggetto dell’interesse di molti e rischiano di finire presto in via di esaurimento. A pulire i cessi di Mediaset, per dire, sono già candidati i Cinquebrocchi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    21 Aprile 2018 - 12:12

    Caro e sempre arguto Andrea’s, e già che ci siamo con le trattative andare fortunatamente a buon fine per liberare, a suo tempo, i poveri ostaggi sequestrati da variegate bande di terroristi islamici?

    Report

    Rispondi

Servizi