E se alla fine Berlusconi...

Viene talora massacrata dalla plebe, la politica, mentre essa s’ammazza di studio e di fatica per rendere cittadino il plebeo

18 Novembre 2017 alle 06:12

E se alla fine Berlusconi...

Silvio Berlusconi (foto LaPresse)

La politica è passione. Primo. Secondo, è servizio. E’ altruismo, ma non quello della San Vincenzo, del buonismo spicciolo, è l’altruismo espresso nel modo più complesso e più colto. L’autentica carità. La freddezza razionale del cervello, messa a disposizione del cuore. Viene talora massacrata dalla plebe, la politica, mentre essa s’ammazza di studio e di fatica per rendere cittadino il plebeo. E certo che può sbandare, la politica, negare la propria origine o l’essenza stessa del proprio esistere. A cicli, succede, ma sono solo cicli. Ciò che vorremmo sapere, in altri termini, è presto detto. Metti che l’Amor nostro non sia più il Nostro amor e che, straziati dentro, ce ne dovessimo separare per onorare al meglio la maestà della politica. Nel caso, ci tocca quel milioncino e quattro al mese, o da ieri ciccia?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lucafum

    18 Novembre 2017 - 19:07

    Bisogna riconoscere che B. precorre decisamente i tempi. Lustri e lustri or sono dischiuse l'oscura era delle molestie sessuali a vergini giovinette minorenni, esibite in sacri Tribunali, che solo ora raggiunge lo zenith sociale nell'universo mondo; e Quegli, piede alato, è già ad aprire l'era dell' Acquario, ove Giustizia riparatrice viene resa allo sprovveduto maschio, ingannato d'amore e spennato d'averi. Come potergli preferire l'altri maggese, la cui poesia canta i soli fusi orari?

    Report

    Rispondi

Servizi