“Il non amato” Giroud, bomber tutto fede

Alle critiche dell'Equipe, il calciatore francese ha contrapposto il conforto della Bibbia. Tra reti segnate e miracoli attesi.
“Il non amato” Giroud, bomber tutto fede

Olivier Giroud (foto LaPresse)

Un titolo che era una sentenza: “Il non amato”. Così L'Equipe a inizio giugno, dopo i fischi rivolti dal pubblico a Olivier Giroud nell'amichevole pre-Europeo contro il Camerun. Le colpe del centravanti? Non essere mai entrato nel cuore dei tifosi e, soprattutto, aver preso il posto del reprobo Benzema. In soldoni: tra Barabba e Gesù, anche in fatto di pallone la preferenza andava al primo. Solo che di Gesù proprio Giroud è un accanito fan e alle critiche della Bibbia francese del pallone lui ha contrapposto il conforto della Bibbia, quella vera.

 

Bomber tutto fede (con tatuaggio sul braccio, in latino: “Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla”) e famiglia (pur con qualche marachella: fisico scultoreo e sguardo tenebroso fanno effetto sulle donne…), ha trovato conforto nella lettura dedicata a nostro Signore e dato risposta sul campo: tre reti all'Europeo, due nella partita che ha riportato l'Islanda a una più corretta dimensione e aperto le porte alla semifinale con la Germania. La Francia è entrata nel cuore della gente, anche Giroud sta scardinando i pregiudizi. Il sogno di vincere un Europeo in casa è a portata di mano, dopo gli mancherà soltanto un titolo in Premier League con l'Arsenal. Ma per quello, viste le ultime annate, servirà veramente un miracolo…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi