cerca

Montanelli avrebbe votato a favore dell’abolizione della sua statua

Il monumento è fissità e presunzione di immortalità. Il suo, da bravo egocentrico e da novelliere, ritrattista e corsivista, lo voleva fatto di parole

12 Giugno 2020 alle 06:02

Montanelli avrebbe votato a favore dell’abolizione della sua statua

(foto LaPresse)

Montanelli sarebbe favorevolissimo all’abbattimento della statua o monumento, peraltro bruttino, a lui dedicato. Il suo monumento, da bravo egocentrico e da novelliere, ritrattista e corsivista, lo voleva fatto di parole talora scontrose, talora ruffiane, ben scelte nel lessico italiano e toscano, parole spesso coraggiose, qualche volta comode e di pronta beva, sofisticate quando necessario, sempre popolari e accessibili, irritanti, sornione, comunque parole che volano, anche se scritte, non pietre, non materiali grezzi e naturali modellati dall’univoco abbraccio di una pubblica opinione postuma. Il monumento è fissità, presunzione di immortalità esposta alla pioggia e alla corrosione, mentre l’idea di sé, la statua psicologica e morale che Montanelli ha scolpito nella vita professionale e pubblica, è tutta mobilità, autocontraddizione, variabilità all’inseguimento dei gusti del lettore. Chi l’abbia letto e conosciuto nella sua caparbia asocialità, e nel suo contrario sentimentale, nelle sue pulsioni talvolta orrende e non sempre eleganti, ma piene della conoscenza saporita di certi mistici, la sapida notitia, sa che Montanelli era innamorato di sé stesso, ma alla fine con che di garbato, di dubbioso, malinconico e perfino di depressivo.

  

La storia della ragazzina eritrea presa per compagna di letto è ingiudicabile, è madornale e mostruosa alla luce della sensibilità presente, eppure non si può che affidarla alla verità dell’Italia di quegli anni così lontana e segreta alla luce del verdetto morale possibile, qui e adesso, sul machismo possessivo di un soldato coloniale di Mussolini. Chi poi è senza peccato, scagli la prima pietra contro la pietra del monumento. Il monumentalizzato aveva le sue ipocrisie, le sue mattane, pure qualche significato importante è sopravvissuto alla sua parabola carnale, e di sicuro avrebbe considerato perfino punitivo l’orgoglioso ometto lungo e dinoccolato piegato sulla sua Olivetti, esposto senza possibilità di replica alle opinioni contrastanti che sono il complemento sgradevole della venerazione alla persona. Venerazione, una parola che Cilindro avrebbe usato con proprietà a proposito di un idolo, lui che si sentiva un idolo, ma solo verbale.

  

La decapitazione di Cristoforo Colombo, l’oltraggio a Winston Churchill e altri gesti da raccolta rifiuti storici, che scaricano la presunta immondizia del passato nel letto sempre così accogliente del senso di colpa occidentale, sono il peggiore capitolo della nostra incongrua e stupida baldanza morale. Ma non tutte le fesserie vengono per nuocere, e all’idoloclastia rivolta contro il monumento a Montanelli non si può rispondere con un “giù le mani dal divino cronista” se non tradendo lo spirito, la verve, che era propria di quell’oggetto di deliquio o d’amore. Ora il municipio di Milano dovrà discutere una proposta di rettitudine moralistica avanzata da un’organizzazione arcobaleno, quali che siano i meriti e demeriti della congrega, e se alla fine deciderà per il mantenimento del mostriciattolo minerario partorito da sincera devozione e autentico conformismo, pazienza, va bene anche così. Ma è bene sia notato, così, per buona grazia intellettuale, che Montanelli avrebbe votato per la propria abolizione in quanto monumento, profittando dell’occasione per scolpire l’unico oggetto estetico e spirituale che aveva a cuore, la chiacchiera in prosa.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • zucconir

    19 Giugno 2020 - 11:38

    Gli imbecilli vigliacchi che hanno imbrattato la statua di Montanelli sono come i pidocchi nella criniera di un leone. Giustamente Indro se ne sarebbe fregato di loro e della statua, così come non dette la minima importanza alle pallottole nelle gambe, tanto che rimase in piedi. Chapeau!

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    12 Giugno 2020 - 18:33

    Posso dirlo? Lo dico lo stesso: "Sentinelli" è ridicolo, come Concita Wurst, se avete capito cosa intendo.

    Report

    Rispondi

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    12 Giugno 2020 - 17:57

    "Francamente, me ne infischio." Rhett Butler P.S. Vogliate scusarmi, ma a reciproca tutela il mio avvocato di fiducia mi ha suggerito, dato il clima, il disclaimer: "intento ironico". Cordialità. Gaetano Tursi

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    12 Giugno 2020 - 12:57

    Sicuramente Indro Montanelli avrebbe votato contro la sua statua, ma a lui va il riconoscimento delle sue grandi doti di giornalista e scrittore, tra l'altro bersagliato in vita anche dai terroristi. E' il giusto riconoscimento alla sua professione di giornalista controcorrente. Tra l'altro il mondo dell'informazione ha un grande difetto: ci informa sugli anniversari di persone dello spettacolo, senza alcun significato, ma di grandi giornalisti e scrittori, spesso si dimentica. Recentemente siamo stati informati dei 45 anni di un'attrice e dei cinquant'anni di una modella. Ai vari Gad Lerner poi bisognerebbe ricordare ogni giorno i grandi maestri di giornalismo, anche se non la pensavano come lui.

    Report

    Rispondi

    • giuseppe

      13 Giugno 2020 - 18:05

      Sarà stato un grande giornalista e scrittore (ho letto un paio di suoi libri sulla storia d'italia ed effettivamente devo dire che scriveva molto bene ed è un piacere leggerli) ma quello che ha fatto nella giovinezza, poi ribadito con fierezza in età matura è, come minimo, raccapricciante. Guardatevi il filmato di Rai storia (anche su youtube) non cerderete alla vostre orecchie. Ovviamente rovesciare la sua statua, non serve a niente.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi