cerca

Dalla luce al profumo all’intimo, la mossa di Gwyneth Paltrow

Se il mercato vale la candela, quando toccherà a Brad Pitt e George Clooney?

14 Gennaio 2020 alle 18:14

Dalla luce al profumo all’intimo, la mossa di Gwyneth Paltrow

Per secoli le candele sono servite per illuminare. Candelabri con centinaia di candele illuminavano le case di ricchi e una piccola candela quelle dei poveri. La Cappella Sistina fu affumicata dai grandi candelabri che venivano alzati per rendere possibile la vista degli affreschi di Michelangelo. Poi è arrivata l’elettricità e le candele sono finite nei cassetti di casa giusto per fare fronte a qualche breve blackout. Le candele non si vendevano più e il loro prezzo era di pochi centesimi. Poi, qualche decennio fa, è arrivato un imprenditore che ha capito tutto e ha cominciato a produrre candele cosiddette “di atmosfera”. Candele colorate, candele profumate. Per meditare, accompagnare, un bagno rilassante, fare l’amore, farsi una canna. Le stesse candele vendute per pochi centesimi, reimpacchettate e impreziosite, vengono vendute per decine di euro.

   

Gwyneth Paltrow e l'arte di vendere fuffa a caro prezzo

Medicine orientali, femminismo, ossessione per il detox, con un pizzico di rivolta verso l’establishment sono gli ingredienti di Goop, il sito e-commerce dell'attrice americana

 

L’orologio serviva una volta per misurare tempo. Era un oggetto prezioso spesso passato di mano da nonno a padre a figlio. O il regalo prezioso della prima comunione o dei 18 anni. Poi è arrivato un imprenditore che ci ha detto che l’orologio può essere come una cravatta. Qualche cosa che si può cambiare quasi ogni giorno. E gli orologiai svizzeri sono stati battuti da orologetti di plastica, belli e colorati, venduti per poche decine di euro.

  

“Innovazione di significato” si chiama il driver di questa storia. Cambiare completamente il posizionamento e il significato di un bene facendolo diventare qualcosa di completamente diverso anche se nei fatti è sempre la stessa cosa.

  

La mossa di Gwyneth Paltrow, tornando alle candele, potenzia al cubo tutta questa storia e apre orizzonti inesplorati. Sold out per la candela che profuma come la sua vagina. Uno scherzo che renderà milioni di dollari provenienti da consumatori un po’ burloni un po’ creduloni. E un notevole senso dell’umorismo da parte dell’attrice. Risparmiateci il moralismo. Il mondo è pieno di oggetti inutili venduti a caro prezzo e non vorrei che qualcuno facesse notare che le candele aumentano i gas serra.

  

Piuttosto pensate alle infinite repliche di questa storia lunghe quanto il catalogo delle belle attrici di tutto il mondo. A ognuno la candela della sua preferita. E perché poi dovrebbero mancare all’appello Brad Pitt o George Clooney? In fondo la candela ben si presta ad allusioni all’organo sessuale maschile. Si potrebbero immaginare slogan tipo “questa candela è lunga come… o è grossa come…”.

  

L'ultima idea bio di Gwyneth Paltrow. Un clistere al caffè

Dal suo sito di lifestyle per ricchi l'attrice dispensa consigli costosi su come depurarsi dopo le feste. Peccato che secondo i medici facciano male 

   

Si scherza naturalmente, ma l’innovazione di significato è invece una leva del marketing molto efficace. Potete esercitarvi anche voi lettori. Pensate a qualche cosa che è diventato desueto e a come riportarlo alla ribalta cambiandone il significato. In fondo, se ci pensate bene, la candela della Paltrow non è una nuova candela, ma solo una candela nuova.

Chicco Testa

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi