cerca

A lavoro non amarmi

Le aziende americane adesso regolano pure la vita sentimentale. Le policy anti molestia (e distrazioni) nella distopia della produttività

25 Novembre 2019 alle 09:05

A lavoro non amarmi

“Il diario di Bridget Jones” (Bridget Jones's Diary) è un film del 2001 diretto da Sharon Maguire (Wikipedia)

Quando Bridget Jones fa il colloquio per diventare tv reporter e il direttore di rete le chiede come mai vuole lavorare in televisione, lei risponde: “Devo lasciare il posto dove lavoro adesso perché mi sono scopata il capo”. Lui l’assume all’istante e le dice: “Qui a Sit Up! Britain nessuno è mai stato licenziato per essersi scopato il capo. E’ una questione di principio”. Sembra un fantasy, e invece è soltanto il 2001 o, se preferite (e preferiamo), è il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • kriszt49

    25 Novembre 2019 - 17:13

    Ma come si fa a privare una persona di poter guardare lungamente un/una collega specialmente se quello sguardo viene corrisposto!? Non si può privare donne e uomini di emozioni simili che tante volte si trasformano in sentimenti che durano per tutta la vita. Il love contract, inteso così, è semplicemente disumano, è un attentato alla vita! kriszt49

    Report

    Rispondi

Servizi