cerca

Calendario per un’autobiografia minima. On Kawara, o il tempo che si fa poesia

Quasi tremila “date paintings”, disseminati nei musei di tutto il mondo, ma non solo. Un artista sempre in viaggio che ha trasformato la propria vita in istruzioni per l’uso

Commenta

Ripensare ad Adrian Piper nei giorni della rabbia nera

Adrian Piper, Everything # 21, (2010-13), © Archivio Storico della Biennale di Venezia – ASAC, foto Andrea Avezzù

Ripensare ad Adrian Piper nei giorni della rabbia nera

“Tutto scomparirà” era scritto e ripetuto cento volte nell’opera che le valse il Leone d’oro alla Biennale del 2015. Ma c’era anche un segno d’ottimismo

Commenta

David Hockney, la gioia “eye-fuck” di un dandy mai stanco di guardare

David Hockney

David Hockney, la gioia “eye-fuck” di un dandy mai stanco di guardare

La creatività inesausta dell’ottuagenario artista inglese, che è stato nella Pop art “al massimo cinque minuti”, che ha cambiato stili e interessi tenendo come stella polare Picasso. La partita ingaggiata con la fotografia, e con il senso dei volti

Commenta

Artemisia e tutte le altre bellezze che i mesi a occhi e musei chiusi ci hanno rubato

Artemisia Gentileschi, Giaele e Sisara, 1620, Museo Szépmuvészeti, Budapest (Wikimedia Commons)

Artemisia e tutte le altre bellezze che i mesi a occhi e musei chiusi ci hanno rubato

Mostre rimandate o che non riapriranno. Van Eyck, Tiziano, scoperte mancate e rimpianti once in the life

Commenta

Los Angeles vuota e la nostalgia di un fotografo

Jeff Wall, Parent child, 2018, inkjet print, 224 x 254 cm, courtesy dell’artista

Los Angeles vuota e la nostalgia di un fotografo

La pandemia, l’isolamento, le immagini delle città senza persone. Dialogo (a distanza) con Jeff Wall

Commenta

Lo slow motion è una ricreazione del mondo

Lo slow motion è una ricreazione del mondo

Dal “calcio del reazionario” di Fabro alla capriola di Munari. Rallentare il tempo. La bellezza sperimentale della tecnologia

Commenta

Ciò che città non è. Il countryside secondo Rem Koolhaas

Veduta di Countryside, Laurian Ghinitoiu courtesy AMO-Caption

Ciò che città non è. Il countryside secondo Rem Koolhaas

A New York, i nuovi modi in cui la campagna è abitata oggi. Didascalie narrative per il nuovo ordine planetario che verrà

Commenta

Il Tilted Arc e la fretta costretta a guardare

storia di un’opera

Il Tilted Arc e la fretta costretta a guardare

L’installazione di Richard Serra nella Federal Plaza di New York ridefinì il concetto di “site specific”. Ma fu smantellata nel 1989

Commenta

“Niente è trasmissibile tranne il pensiero”. Vittorio Gregotti spiegato con Le Corbusier

Centro culturale a Bélem, Lisbona, progettato nel 1988 da Gregotti

Il foglio arte

“Niente è trasmissibile tranne il pensiero”. Vittorio Gregotti spiegato con Le Corbusier

Ricordo d’autore dell’architetto da poco scomparso. L’indizio di una finestra abitata, la scoperta delle Seterie di San Leucio e della Gibellina da reinventare

Commenta

L’artista a distanza e ciò che vuole mostrarci, molto oltre l’online

I musei, e Google, da qualche tempo si sono attrezzati. Una pagina del tour virtuale della Tate Britain

L’artista a distanza e ciò che vuole mostrarci, molto oltre l’online

Le opere recluse e come approfittare delle nuove tecnologie di visione senza perdere l’esperienza

Commenta

Medardo Rosso. Come fare a toccare le ombre

Medardo Rosso, malato in ospedale, 1889. Foto di Paolo Monti.

Medardo Rosso. Come fare a toccare le ombre

Le parole dell'artista: “Tutti gli altri hanno sempre visto per il toccare. Non hanno mai rispettato la luce e il colore, pur di far le robe per i ciechi. Ma io tocco o non tocco? E ho detto non tocco”

Commenta

Più Visti

Multimedia

Servizi