Polpette avvelenate per Bagnasco

E adesso in curia tutti dicono che Papa Francesco vuole fare fuori il vescovo di Genova. Fake news?

Email:

La Gran Sottana

17 Dicembre 2017 alle 06:00

Polpette avvelenate per Bagnasco

Angelo Bagnasco e Papa Francesco (foto LaPresse)

“Feich che?”, dice il monsignore mentre addenta vorace e lieto l’abbacchio al Passetto di Borgo. “Fake news”, rispondo commentando la voce che correva di stanza in stanza, di palazzo in palazzo, riguardante il siluramento del Maestro delle cerimonie, Guido Marini. “Ah sì”, commenta il monsignore preoccupato che il tovagliolo non sia troppo macchiato – non si sa mai chi potrebbe avvicinarsi, magari solo per un saluto, al tavolo. “Guarda, ne circolano tante di polpette avvelenate. Sono come esche, c’è chi le manda per vedere se qualcheduno abbocca o ci casca. Poi su Marini non so che dire, anche se non vedo perché un uomo di 81 anni che non mastica liturgia e ha tenuto il Maestro per cinque anni, ora dovrebbe mettere un altro al suo posto. Mica si improvvisa, qua!”. Sarà che non si improvvisa, ma già si mormora, sempre con quel fare sibilante che eccita tante sottane, che a Santa Marta hanno fatto partire il conto alla rovescia per Angelo Bagnasco, vescovo di Genova prossimo a compiere 75 anni (è l’età del pensionamento). La data cerchiata è il 14 gennaio e i soliti dispensatori di veleno fanno sapere che c’è fretta di cambiare. “Ma hai visto chi il Papa ha mandato a Parigi? Quello (Aupetit, ndr) è uno che fa le marce per la vita, che fa la sentinella in piedi, che è una specie di Ruini francese. E chi l’ha nominato? Il Santo Padre Francesco. Quindi basta con questa idea che gli episcopati nel mondo vengano occupati da sodali di Hans Küng. La cosa è più complessa”. In che senso?, domando mentre il cameriere porta la cicoria ripassata. “Nel senso che a questo Papa non gliene frega niente di occupare le caselline con progressisti o conservatori. Il criterio è un altro”. Quale?, incalzo mentre la palpebra del commensale inizia a dare segni d’evidente cedimento: “Che siano intelligenti! Il che è raro anche tra noi uomini di chiesa”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi