cerca

Renato Brunetta

Al ministero della Funzione pubblica servirebbe il conforto di Giorgio Gaber, grande cantautore e soave ridicolizzatore di etichette – “che cos’è la destra, cos’è la sinistra?”, cantava (guarda il video), prendendo in giro chi si attaccava persino alla vasca (di destra) e alla doccia (di sinistra), al culatello (di destra) o alla mortadella (di sinistra), per distribuire patenti di appartenza politico-sociale.

1 Aprile 2009 alle 00:00

Al ministero della Funzione pubblica servirebbe il conforto di Giorgio Gaber, grande cantautore e soave ridicolizzatore di etichette – “che cos’è la destra, cos’è la sinistra?”, cantava (guarda il video), prendendo in giro chi si attaccava persino alla vasca (di destra) e alla doccia (di sinistra), al culatello (di destra) o alla mortadella (di sinistra), per distribuire patenti di appartenza politico-sociale. Solo Gaber, infatti, fosse ancora in vita, potrebbe sciogliere il cruccio che, a giorni alterni, irrigidisce il volto dell’energico e ubiquo Renato Brunetta, “uomo di sinistra” per autodefinizione e ministro in un governo di centrodestra.

Perché su Brunetta è sempre tutto un borbottio, un giorno in un polo e un giorno nell’altro. Ecco che il guaio sorge a sinistra allorché il ministro lancia la campagna antifannulloni e non solo si inalberano, com’era prevedibile, i lavoratori statali – fannulloni e non – ma dalla Cgil Guglielmo Epifani, in un sussulto di iper orgoglio sindacale, dà il “la” al grande allarme per i cosiddetti licenziamenti selvaggi nelle Ferrovie dello stato (che siano gremite di lavativi o meno non importa: l’importante è gridare “dàgli a Brunetta”). Ovvio, tuttavia, che il sindacato contesti, meno ovvio che Brunetta si metta, trasmissione tv per trasmissione tv, lettera ai giornali per lettera ai giornali, a rispondere a ogni mugugno, per convincere, smentire, rilanciare, addolcire e ricordare che comunque i fannulloni con lui non passeranno. E nonostante l’agosto inoltrato, dalla scoscesa Ravello, Brunetta continua a dire che no, la vera sinistra non è quella di Epifani, ma quella dei “sessanta milioni di italiani che vogliono vedere premiato il merito e puniti i furbi”. E dunque Epifani “faccia autocritica”, è il corollario brunettiano, ma d’autocritica nel sindacato non c’è traccia, anzi: non appena Brunetta dice che “l’effetto annuncio”, da solo, ha riportato al lavoro molti assenteisti, ecco che una nuova categoria di lavoratori insorge – ma come parla, questo ministro, ma quali fannulloni, così penalizza quelli che lavorano sul serio.

E non basta, perché se poi Brunetta annuncia di voler pubblicare online i curricula dei medici per “l’operazione verità”, in modo che la gente “giudichi da sé” ed eviti “i macellai”, i medici naturalmente insorgono – che stupidaggine, ma quandomai dal curriculum si capisce se uno è davvero bravo, macché macellai, Brunetta misuri le parole. Crudele nemesi, questa, giacché il ministro rispetta immensamente i macellai (quelli veri), lavoratori e proletari come suo padre – che era venditore ambulante – tanto che ha lodato in pubblico il mitico Fabrizio, star della bistecca nel programma tv “In punta di coltello”. Ma non c’è nulla da fare: l’Ordine dei medici, nel frattempo, ha già chiesto l’intervento del ministro Sacconi per “fermare una spirale di parole inutilmente devastante”.
Né va meglio quando l’intrepido Brunetta, in tandem con l’altrettanto intrepido ministro per l’Attuazione del programma Gianfranco Rotondi, si mette alla testa della fronda di “liberi pensatori” del Pdl, paladini dei diritti delle coppie di fatto, facendosi promotore, anche se a titolo personale, dei “Didore”, una sorta di Dico “limitati alla sfera del diritto privato” (in modo da disinnescare preventivamente le critiche da destra, pensavano i due ministri).

E invece no. Non passa un minuto che nel Pdl si solleva un coro di: ma che fa Brunetta? Hai voglia a spiegare che per lo stato sarà “costo zero” e che il governo non è coinvolto: a destra le adesioni sono poche (a parte Benedetto Della Vedova e Alessandra Mussolini) e a sinistra resiste la diffidenza (che non si placa neppure quando Imma Battaglia, presidente di DiGay project, dice di approvare l’idea del ministro. Anzi, il sospetto ricade pure su Imma che “non sta più con la sinistra”, così dicono i gay di area Franco Grillini). Ma tanto Brunetta non ha tempo di occuparsene, giacché su di lui è già piombato un altro “che dice?”. Trattasi delle critiche di Edmondo Berselli – una disamina dello stile comunicativo brunettiano, per Berselli ricalcato sui “format” tv di successo.

E così il ministro si vede costretto a rispondergli su Repubblica: caro Berselli, siete voi che vi comportate come in un format, io sono solo molto angosciato per la sorte “di chi ha figli in scuole che non formano, di chi corre al pronto soccorso e viene accolto con cartelloni di protesta … ho l’impressione che qualcosa di essenziale sfugga, a tanti critici per benino e di sinistra: il buon funzionamento dell’amministrazione serve ai più deboli, non ai più forti”. Ed è una piroetta gaberiana, la parola definitiva con cui però il ministro rischia, di contro, di essere investito da un anti-Moretti, pronto a scomunicarlo con un grido roboante: “A’ Brunetta, dì qualcosa di destra”).

Guarda "Destra Sinistra" di Giorgio Gaber

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi