preghiera

Goda della luce perpetua David Crosby, che cantò le chiese medievali della Loira

Camillo Langone

Lo ha fatto senza ingombrare le orecchie di ciance, come fanno i rapper, né gli occhi di ostentazioni, come fanno i Maneskin. Con dolci note, testi laconici, toponimi mariani

Notre-Dame de Cléry accolga David Crosby, morto vecchio dopo una vita di eccessi alcolici e narcotici che evidentemente non sono sempre letali, l’hippy baffuto e longicrinuto che nel remoto 1971 cantò le chiese medievali della Loira in un magico brano di pochissime parole: “Orleans, Beaugency, Notre-Dame de Cléry…”. E che nello stesso magnifico disco dello stesso remoto anno inserì un brano strumentale, una canzone contenente poco più di una frase e due canzoni senza vocabolo alcuno (tra cui la favolosa “Song with no words”). Goda della luce perpetua David Crosby per aver sognato e fatto sognare (cose bellissime: pace, amore e musica nella California assolata, oltre che nella Francia cortese) senza ingombrare le orecchie di ciance, come fanno i rapper, né gli occhi di ostentazioni, come fanno i Maneskin. Con dolci note, testi laconici, toponimi mariani: “Orleans, Beaugency, Notre-Dame de Cléry…”.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).