cerca

Non ci sono solo i preti paolini a battersi per l’islamizzazione dell’Italia

A Palermo Igor Scalisi Palminteri, ex francescano, ha dipinto l'immagine di San Benedetto il Moro: “Lo abbiamo realizzato perché è nero”. Chissenefrega della fede, la prima cosa è il sangue

27 Luglio 2018 alle 06:00

Non ci sono solo i preti paolini a battersi per l’islamizzazione dell’Italia

Il muralese di San Benedetto il Moro realizzato a Palermo Igor Scalisi Palminteri (foto pagina Facebook di Igor Scalisi Palminteri)

San Benedetto il Moro, non ci sono soltanto i preti paolini (editori e direttori di Famiglia Cristiana) a battersi per l’islamizzazione dell’Italia (più immigrati africani non selezionati oggi e più minareti domani, ovvio). Ci sono pure gli ex frati. Che ti usano ai loro neri scopi. Il pittore palermitano Igor Scalisi Palminteri, un tempo francescano e adesso tatuato, ti ha dipinto in un grande murale nel famoso quartiere Ballarò. Un maiuscolo esempio di propaganda invasionista e razzista, dichiaratamente tale. “Lo abbiamo realizzato perché è nero”, ha detto l’artefice. Mica perché andavi in estasi durante la preghiera, resuscitavi i bambini e facevi apparire gli angeli: per il colore della tua pelle. Chissenefrega della fede, per costoro come per gli zootecnici la prima cosa è il sangue. Il pittore dall’incongruo nome slavo, forse relitto di un’altra invasione però soltanto culturale, quella che negli anni Sessanta e Settanta riempì le regioni comuniste di Yuri, da bravo propagandista ti ha messo in caricatura. Come i vignettisti antisemiti disegnavano e disegnano gli ebrei invariabilmente col naso adunco, un muralista filoafricano non poteva che estremizzarti e dipingerti bantù, pelle nerissima e naso camuso: quando invece eri probabilmente etiope, olivastro e naso sottile. San Benedetto il Moro, prega con il tuo rosario che sui muri di Palermo compaia piuttosto la Madonna di Lepanto.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    27 Luglio 2018 - 19:07

    Grazie a Langone per aver usato il termine "murale" in luogo dell'ignobile murales.

    Report

    Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    27 Luglio 2018 - 13:01

    “Diverso è meglio”. Suppongo valga per tutti e viceversa.

    Report

    Rispondi

  • gabriele.gab.monti

    27 Luglio 2018 - 08:08

    meno male che Langone c'è

    Report

    Rispondi

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    27 Luglio 2018 - 08:08

    Anche il congiuntivo viene combattuto strenuamente dal signor Scalisi Palminteri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi