Instagram, lo specchio più grande

Camillo Langone

Preferire gli esercizi estetici della fotografia social a quelli spirituali di Sant'Ignazio: come diceva Baudelaire, il dandy deve aspirare a essere sublime senza interruzione

Sant’Ignazio, mi dispiace, ma io non li faccio i tuoi esercizi spirituali. Dal frutto riconosco l’albero e purtroppo il tuo metodo ha prodotto “gente senza parola, senza credibilità, senza onore, senza verità, doppia nel cuore, doppia nella lingua” (i gesuiti secondo Pascal). Sant’Ignazio, io preferisco gli esercizi estetici, dunque preferisco Instagram. Lo avrebbe preferito anche il pascaliano Baudelaire secondo cui il dandy “deve aspirare a essere sublime senza interruzione, deve vivere e dormire davanti a uno specchio”.

 

Instagram è il mio specchio più grande: lo specchio del bagno mi serve a non uscire di casa col nodo della cravatta storto, lo specchio del social mi spinge a scegliere libri, quadri, messe, camicie, ristoranti, bottiglie sempre migliori... Perché tutto ciò che leggo, ammiro, venero, indosso, mangio, bevo lo fotografo e solo così ho tutti gli elementi per giudicarlo e infine catalogarlo tra le cose che mi elevano (da pubblicare e a cui ritornare) oppure tra quelle che mi degradano (da cancellare e da cui fuggire). Sant’Ignazio, Roger Scruton scrive che “la bellezza ci conduce alla presenza del sacro”: le foto di candele vere, di cera, che pubblico su Instagram, sono più divine delle candele false, elettriche, che tanti sacerdoti, ignaziani e non, mettono davanti agli altari.

  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).