cerca

Bassa risoluzione, o come assentire a Genesi 1,26

Nonostante non sembri un uomo religioso, ragionando sulla dilagante sciatteria materiale Mantellini si spinge a ipotizzare esiti spirituali

17 Febbraio 2018 alle 06:10

Bassa risoluzione, o come assentire a Genesi 1,26

L'affresco della creazione di Adamo di Michelangelo nella Cappella Sistina (foto Wikimedia)

Gli smartphone, i selfie, i voli low cost, gli stencil di Banksy, i mobili Ikea, l’informazione dai social, i tweet dei politici… Tutte cose che per l’internettologo Massimo Mantellini sono “bassa risoluzione”, tendenza decisiva di questi anni. La analizza in un piccolo libro Einaudi che si intitola appunto “Bassa risoluzione”, innanzitutto dandone una definizione: “Scelta di riduzione intenzionale di caratteristiche tecniche già acquisite”. Nonostante non sembri un uomo religioso, ragionando sulla dilagante sciatteria materiale Mantellini si spinge a ipotizzare esiti spirituali: “Accettare una versione degradata di qualcosa è una sorta di millimetrico allontanamento da Dio”. Ho dunque la conferma che il mio perfezionismo fatto di personal computer, ritratti a olio, viaggi in Range Rover, quadri di Giovanni Gasparro e Gabriele Grones, mobili di falegnami o di design, giornali, “Politica” di Aristotele, oltre che edonistico è mistico: il mio modo di assentire a Genesi 1,26, il mio collaborare a un disegno di elevazione e divina somiglianza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carloalberto

    18 Febbraio 2018 - 00:12

    Bah... Nutro qualche dubbio sul fatto che la Range Rover vada d'accordo col tabarro.

    Report

    Rispondi

  • Dario

    Dario

    17 Febbraio 2018 - 11:11

    E però qui, perdoni Langone, mi pare che piuttosto che un uomo a immagine e somiglianza di Dio si scivoli pericolosamente verso un Dio a immagine e somiglianza dell'uomo.

    Report

    Rispondi

    • iksamagreb@gmail.com

      iksamagreb

      19 Febbraio 2018 - 23:11

      Giusto. E aldilà della battuta, a volte anch'io mi sorprendo a pensare che se Dio ci ha fatti a Sua immagine e somiglianza, vuol dire che anche Lui è "fatto" ad immagine e somiglianza nostra. Beh, devo dire che il pensarci, mi risolleva un po'...

      Report

      Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    17 Febbraio 2018 - 09:09

    D’accordo, poi si fa quello che si può.

    Report

    Rispondi

Servizi