Fonti vicine ai negoziati: “Gli italiani hanno pagato per gli ostaggi i francesi no”

Daniele Raineri

Atterrati in Italia Padre Pier Luigi Maccalli e Nicola Chiacchio, liberati insieme a una operatrice umanitaria francese e all’ex ministro del Mali Soumaila Cisse. Una fonte vicina al dossier dice al Foglio che dietro al rilascio degli italiani e del maliano c'è un riscatto pagato dai due governi 

Sono atterrati poche ore fa in Italia i due ostaggi sequestrati in Niger due anni fa e liberati ieri in Mali, Padre Pier Luigi Maccalli e Nicola Chiacchio. Per la loro liberazione, secondo una fonte vicina ai negoziati ascoltata dal Foglio, il governo italiano ha pagato un riscatto. I due italiani erano nelle mani di al Qaida, che assieme a loro ha liberato anche un famoso politico del Mali, l’ex ministro Soumaila Cisse, e una operatrice umanitaria francese di 75 anni, Sophie Petronin, che era stata rapita quattro anni fa. La Petronin durante il sequestro si è convertita all’islam, ma è difficile immaginare che al suo ritorno i francesi  la chiameranno “neoterrorista”, come è successo a Silvia Romano in Italia. 

Secondo la fonte, anche i maliani hanno pagato per la liberazione dell’ex ministro. I negoziati per la parte italiana si sono svolti tra l’Aise e un mediatore Tuareg.  I francesi hanno tenuto separato il loro negoziato da quello italiano, forse per non essere coinvolti nel pagamento, ma non si sono opposti. Hanno ottenuto la liberazione grazie a uno scambio di prigionieri – in effetti tra sabato e domenica il governo del Mali ha liberato 180 uomini che erano in prigione perché legati al gruppo jihadista. Gli Stati Uniti erano molto contrari all’accordo che ha portato alla liberazione.

 

Di più su questi argomenti:
  • Daniele Raineri
  • Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Sono stato corrispondente dal Cairo e da New York. Ho lavorato in Iraq, Siria e altri paesi. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione. Segui la pagina Facebook (https://www.facebook.com/news.danieleraineri/)