Pertini, il pop president

Il calcio, le canzoni di Cutugno e Venditti e i fumetti di Pazienza per raccontare l'ex presidente, il capo dello stato che piaceva agli italiani

12 Marzo 2018 alle 08:26

Pertini, il pop president

Sandro Pertini con Bruno Conti, che bacia la Coppa del mondo di calcio conquistata a Madrid, al ritorno in Italia sull’aereo presidenziale: è il 13 luglio 1982 (foto archivio LaPresse)

Buongiorno, Italia / gli spaghetti al dente / e un partigiano come presidente”, cantava nel 1983 Toto Cutugno in “L’italiano”: solo quinta al Festival di Sanremo di quell’anno, ma poi benedetta da un successo strepitoso di vendite. Curiosamente, più ancora che in Italia all’estero, dove è a volte percepita come una sorta di altro inno nazionale di fatto. “I carri armati a fari spenti nella notte / sotto la pioggia / hanno lasciato strane tracce sull’asfalto / piene di sabbia...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi