Un grillino vicepresidente a Bruxelles. E ora per Grillo "l'Europa guarda al futuro"

C'aveva provato a lungo, Fabio Massimo Castaldo e finalmente ha ottenuto l'incarico (insieme ad altri 13). Segno che l'europarlamento ora apprezza M5s? Non proprio

16 Novembre 2017 alle 21:05

Un grillino vicepresidente a Bruxelles. E ora per Grillo "l'Europa guarda al futuro"

Fabio Massimo Castaldo. Foto LaPresse/Roberto Monaldo

Ah, saperlo prima, che bastava così poco per riabilitare l’Europa. La matrigna tutta austerity e banche, il tempio della tecnocrazia: finalmente s’è redenta. “C’è un’Europa che guarda al futuro”, twitta ora, giulivo, Beppe Grillo. Per farlo ricredere, è stato sufficiente che uno delle quattordici – quattordici – cariche di vicepresidente del Parlamento di Bruxelles venisse affidata a un esponente del Movimento 5 stelle. Nella fattispecie, a Fabio Massimo Castaldo, trentaduenne avvocato romano, molto ambizioso, già portaborse della senatrice Paola Taverna e membro del mini-direttorio romano nell’estate del 2016. 

   

Buona la terza, per Castaldo: nel senso che a ottenere quel riconoscimento c’aveva già provato, senza successo, all'indomani delle elezioni di maggio 2014 e poi di nuovo, e di nuovo invano, nel gennaio scorso, in occasione del rimpasto di metà mandato dell’europarlamento. Stavolta ce l’ha fatta: 325 preferenze su 563 votanti. Una maggioranza ampia, che testimonia solo in parte della fine dell’ostracismo di Bruxelles nei confronti delle truppe pentastellate, e che invece dice molto della grande piacioneria di Castaldo, uno che da tempo tesse relazioni trasversali mostrandosi affabile nei modi e moderato nei toni. Per lui hanno votato non solo gli euroscettici di varia risma, ma anche i tre eurodeputati di Mdp, ma anche molti popolari, conservatori inglesi, qualche esponente del Pd e socialisti belgi e francesi. “Fosse stato un altro grillino, col cavolo”, scherza un dem toscano che siede a Bruxelles. “Castaldo è in fondo uno ragionevole, tra i meno esagitati del suo gruppo”. Anche Marco Affronte, uscito dai Cinquestelle e confluito tra i Verdi dell'Europarlamento, conferma: “Fabio Massimo è uno in gamba, lavoro molto in tutti i sensi. E' uno che ci sa fare, e che per questa benedetta carica ha sudato molto”.

 

Ci puntava, insomma. Così come ci puntavano anche i vertici pentastellati – non David Borrelli, però, notabile del M5s a Bruxelles e fedelissimo di Davide Casaleggio, che così vede la sua stella oscurata da un suo collega. Per Grillo e Di Maio, comunque, poter spendere una figura istituzionale nella campagna elettorale italiana era importante. E dunque ci sta, che ora festeggino. Ma c’è qualcosa di eccessivo, e di patetico, nella loro esultanza. Così come nella loro ipocrita ansia di vedersi accreditati da quelle stesse istituzioni che fino all’altroieri ingiuriavano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi