cerca

Senza Nord e senza Eurexit, la Lega incompiuta di Salvini

La mutazione genetica del Carroccio è interrotta: dopo l'indipendentismo, il Matteo leghista abbandona pure il sovranismo

31 Ottobre 2017 alle 06:00

Senza Nord e senza Eurexit, la Lega incompiuta di Salvini

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Roma. Dopo aver eliminato il “Nord” dal nome del partito, Matteo Salvini cancella l’uscita dall’euro dal programma della Lega. Niente secessione politica dall’Italia, niente secessione monetaria dall’Eurosistema. La svolta era stata anticipata qualche giorno fa da Silvio Berlusconi (“Credo che la Lega abbia messo definitivamente da parte l’uscita dall’euro”) ma anche il leader del Carroccio, intervistato da Sky, è stato molto netto sul tema: “Non possiamo portare noi l’Italia fuori dall’euro, è una scelta che va fatta insieme e non può sceglierlo l’Italia – ha detto Salvini – possiamo offrire agli italiani un’uscita di sicurezza qualora la moneta unica salti, e non perché lo vuole Salvini”. “Se i tedeschi domani si svegliano e dicono ‘l’euro è finito’, perché hanno oramai guadagnato il massimo, noi ci ritroviamo col cerino in mano”, ha aggiunto il segretario della Lega. In conclusione: “Non sono io a uscire dall’euro. Se altri faranno la scelta di uscire da euro voglio che gli italiani siano pronti”. La posizione è completamente ribaltata: Salvini non vuole uscire dall’euro, anzi, vuole difendere gli italiani dagli sprovveduti che vogliono dissolvere l’euro (che poi era la posizione di Salvini fino all’altroieri).

 

Questa giravolta, come detto, arriva in contemporanea con la storica eliminazione del “Nord” dal nome della Lega e, per certi versi, le due scelte simultanee sono contraddittorie. Salvini ha avuto il merito di aver preso una Lega scesa ai minimi storici dopo gli scandali politici e finanziari e di averla rilanciata a livelli di gradimento mai raggiunti prima. Oltre al pieno di consensi dovuto alle sue indiscusse abilità mediatiche, Salvini aveva anche un piano egemonico sul centrodestra: scontro a viso aperto con Berlusconi per la leadership (niente più pranzi e incontri del lunedì ad Arcore come faceva Umberto Bossi) e costruzione di una destra nazionale sul modello del Front National di Marine Le Pen. Per questa operazione, che passa dall’allargamento della base elettorale nel Meridione, Salvini ha operato una rapida e progressiva modificazione genetica della Lega Nord che in sintesi è consistita nella sostituzione dell’Eurexit alla secessione. Non più indipendenza della Padania, ma sovranità monetaria dell’Italia.

 

Il problema è che con la ripresa economica, con le sconfitte e le difficoltà dei sovranisti in giro per l’Europa, la battaglia antieuro da condizione indispensabile (“Chi nega che l’uscita dall'euro sia necessaria è ingenuo, prezzolato o in malafede e noi non ci alleiamo”, diceva) è diventata un vicolo cieco da cui battere in ritirata (“Non sono io a uscire dall’euro”). E così Salvini sta abbandonando il sovranismo proprio mentre si mette alle spalle l’indipendentismo, proprio mentre le spinte autonomiste avanzano in Italia e in Europa. Sul tema dell’autodeterminazione poi, la posizione di Salvini negli ultimi anni è stata ambigua e incoerente. In Italia ha subìto i referendum autonomisti in Lombardia e Veneto voluti dai governatori leghisti Maroni e Zaia. Nel Regno Unito non ha tifato apertamente per l’indipendenza della Scozia nel 2014 quando c’è stato un referendum legale, voluto da Edimburgo in accordo con Londra. In Spagna ha preso le distanze dall’indipendenza della Catalogna, dicendo che il referendum convocato da Barcellona è stato una “forzatura”. Ma in Ucraina Salvini ha riconosciuto l’indipendenza della Crimea con successiva annessione alla Russia e la validità di un referendum farlocco tenutosi sotto la pressione dell’esercito russo (ma qui, più che il principio di autodeterminazione ha contato quello di fedeltà a Vladimir Putin).

Ora Salvini si trova a metà del guado, con una trasformazione incompiuta. Il rischio è di ritrovarsi una Lega senza Nord, senza Eurexit e senza strategia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • parodip

    01 Novembre 2017 - 21:09

    Altri ottimi motivi per non votare Salvini. E' triste che, per evitare che vincano gli improponibili ed impresentabili peppisti il CD dovrà allearsi con questo bel tipo, le cui strategie - se vogliamo chiamarle così, fanno tutte flop.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    31 Ottobre 2017 - 10:10

    Bene. Visto che quindi sono cessate le preoccupazioni che aveva il Foglio, in primis l'uscita dall'euro, sarebbe ora di considerare la Lega (non più Nord) con un minimo di obiettività. Perché si guarda la pagliuzza ma si tralascia la trave. Nel PD 3 ministri e il principale sottosegretario del governo si dànno malati pur di non approvare la rinomina di Visco, neanche fossero vigili urbani di Roma all'ultimo dell'anno, eppure tutto va ben, madama la marchesa. Situazione poi causata da Renzino Gianburrasca, che osa dire che la mozione di "sfiducia" al governatore era nota al governo. Certo se per lui il governo si ferma alla Boschi (che si è ben guardata dal mettere al corrente Gentiloni) allora tutto torna. Cialtronesco.

    Report

    Rispondi

Servizi