cerca

Come fare bella figura senza necessariamente sapere quel che si dice

Game of thrones

È un fenomeno mondiale. Frutto dell'assoluta professionalità americana o suggestione planetaria? In ogni caso sparate giudizi con sicumera

26 Giugno 2015 alle 06:18

Game of thrones
- Più che una serie tv, un fenomeno mondiale. Di seguito affastellare considerazioni sociologiche a casaccio.

 

- Dire che di solito il fantasy vi fa venire più sonno della Formula Uno, ma questo è diverso. Non spiegare in cosa.

 

- Elogiare la sigla iniziale: di gran classe. Evitare paragoni con quelle delle serie nostrane.

 

- Non si fa in tempo ad affezionarsi a un personaggio che lo fanno morire. Restare in ansia tutto il tempo e scommettere sul prossimo morituro.

 

- Nelle ultime puntate hanno esagerato con i mostri, la qual cosa vi ha un po’ demotivato. Dolersene.

 

- Tuonare contro la psicosi da spoiler. Va bene tutto, ma non è che si possa aspettare vent’anni prima di parlare di chi ha ammazzato chi. Convenirne.

 

- Il nanetto è il più figo di tutti. Le ragazze possono spingersi ad augurarsi di avere una storia con uno così spiritoso. (Vedi seguente)

 

- Minacciare di annullare l’abbonamento a Sky in caso di morte del nanetto.

 

- Sindacare la svolta mistica di Arya Stark.

 

- Essere iscritti a decine di forum in cui si trattano gli aspetti più dietrologici della serie con minuziosità da neurochirurghi.

 

- Sansa Stark ha rotto i coglioni. Non se ne può più di quella sua espressione sgomenta davanti alla malvagità del mondo. Fare voti affinché tiri fuori un po’ di personalità al più presto, ma restare scettici.

 

- Osservare che sono tutti cattivissimi. Apprezzarlo.

 

- Chi è anagraficamente adeguato può fare la figura del connaisseur ricordando che Diana Rigg, l’interprete di Oleanna Tyrell, aveva già vestito con enorme successo negli anni Sessanta i panni di Emma Peel nell’indimenticato telefilm (allora le serie tv si chiamavano così) “The Avengers”, in italiano miserevolmente tradotto con “Agente Speciale”.

 

- Ieri mia moglie mi ha beccato mentre guardavo la prima stagione di Game of Thrones con i ragazzi e mi ha cazziato: “Considerando che non fanno che scopare, stuprare e ammazzare tutto il tempo, che due dei protagonisti sono fratelli incestuosi, che l’unico buono lo decapitano alla fine della prima stagione e che Giulio ha otto anni e Martina dieci, se vuoi che diventino sociopatici prima dell’adolescenza direi che stai facendo tutti i passi giusti.” (Tratto da una storia vera)

 

- Apprezzare il fatto che i buoni non siano mai completamente buoni e i cattivi mai del tutto cattivi. Avanzare dei paragoni con la drammaturgia shakespeariana.

 

- Confessare di avere smarrito il filo della trama a metà della seconda stagione, ma che comunque ciò non nuoce al divertimento.

 

- Sperare che George R.R. Martin si sbrighi a scrivere il resto della saga prima di morire, al fine di scongiurare un coitus interruptus globale. (Vedi seguente)

 

- Essere terrorizzati che tutto l’ambaradan finisca in una gigantesca cazzata, come Lost.

 

- Il martedì mattina in ufficio dibattere con i colleghi su quel che è successo nella puntata della sera precedente, come una volta si parlava del calcio il lunedì mattina.

 

- Leggere saggi sulla filosofia della serie, qualifica l’intellettuale debordiano aperto alle istanze della contemporaneità.

 

- Sostenere che “Il trono di Spade” è un assai goffo adattamento del titolo originale. Di seguito ricordare il tuttora insuperato “City slickers=Scappo dalla città. La vita, l’amore e le vacche.”

 

- Detestare i filologi che si lagnano perché il serial non rispetta i libri da cui è tratto. Valutare se far partire una pippa sulla specificità del mezzo televisivo. Citare McLuhan: usurato.

 

- Ostentare spocchia nel ritenere diseducativo svegliarsi alle tre di notte per seguire le nuove puntate in contemporanea con gli Stati Uniti, perché dopo i quattro anni si dovrebbe avere imparato a posporre la soddisfazione delle pulsioni. Fare eccezione per i single.

 

- In un ristorante della city avere assistito ad accanite discussioni tra avvocati sul profilarsi del conflitto tra i Lannister e quel che resta dei Targaryen. Seguono considerazioni sulla perdita di certezze della società liquida.

 

- Tra amiche, di tanto in tanto rinnovare l’inconsolabile cordoglio per la prematura scomparsa di quel rorido manzo di Khal Drogo, il fu marito della madre dei draghi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi