cerca

Fatti, commenti, appuntamenti del giorno presi dal taccuino di Mario Sechi

Chi non è a cavallo, sta a guardare. Il destriero è quello della Rai

Il torneo si svolge sul rettilineo di viale Mazzini, il trofeo lo vince Monica Maggioni. Presidente. Ma i giornaloni…. rosicano! Primo caffè, Corriere della Sera: “Rai, patto Pd-Fi su Maggioni”. Certo, cari colleghi, si vota con la regola dei due terzi. Si contano i voti, non gli editoriali a favore o contro. E Campo Dall’Orto? Ancora non è arrivato.

6 Agosto 2015 alle 10:25

Chi non è a cavallo, sta a guardare. Il destriero è quello della Rai

Trasfigurazione del Signore. Gesù, ritiratosi assieme a Pietro, Giovanni e Giacomo, si mostrò loro avvolto da uno straordinario splendore, in vesti candide, mentre conversava con Mosè ed Elia, inoltre una voce da una nube ne proclamava la figliolanza divina.

 

Titoli. Chi non è a cavallo, sta a guardare. Il destriero è quello della Rai, il torneo si svolge sul rettilineo di viale Mazzini, il trofeo lo vince Monica Maggioni. Presidente. Ma i giornaloni…. rosicano! Primo caffè, Corriere della Sera: “Rai, patto Pd-Fi su Maggioni”. Certo, cari colleghi, si vota con la regola dei due terzi. Si contano i voti, non gli editoriali a favore o contro. E Campo Dall’Orto? Ancora non è arrivato, ma Aldo Grasso ha già pronta la lista delle cose da fare: “Campo Dall’Orto e quelle 10 sfide”. Passo oltre? Alt, due titoletti da segnalare: 1) Giorgio Napolitano scrive a via Solferino per dire che “La riforma del Senato non va stravolta”; 2) il taglio basso del Corriere racconta una storia istruttiva: “Il dilemma di lavorare a Ferragosto.  L’Electrolux vuole produrre il super frigo: così usciamo dalla crisi. Sì da 50 operai (su 1.100)”. Se Il Foglio lavora a Ferragosto, io scrivo, sia chiaro. Serve un altro caffè, la macchinetta va che è una meraviglia, Repubblica offre al lettore la zolletta del titolone su due righe: “Il grande patto Rai sulla Maggioni. Fisco, meno manette agli evasori”. Non traspare nota lieta sulla Rai. E infatti Ezio Mauro entra in fase “Wilma, passami la clava”. Titolo: “La palude”. Pezzo breve, chiuso in prima pagina, randelloso. E naturalmente ecco “la tentazione del megafono” (Folli) e “il nuovo accordo del Nazareno” (Ceccarelli). Renzi li ha spiazzati di nuovo. Per Repubblica il premier resta un elemento inafferrabile, non dirigibile né digeribile. Fatti dall’estero? Voliamo a Washington, prendiamo il edicola La Stampa (di Torino). Acc.. dannaz… malediz… avrebbe esclamato Cico Felipe Cayetano Lopez Martinez y Gonzales, il fido amico messicano di Zagor, nel vedere la prima pagina: neanche un titolo con la foto di Obama! Apertura sulla Rai, friends: “Rai, èMaggioni il presidente. Intesa fra Renzi e Berlusconi”. Qualcosa di nuovo sulla Stampa? Cribbio, la notizia c’è: “Miss Piggy e Kermit divorziano”. Vai con il Muppet Show. Titoli diversi? Si passa a Giornale e Libero, a raffica. Il primo apre così: “Expo flop, l’Inps precetta due milioni di pensionati”. Il secondo impagina questo: “Arriva la legge anti-vitalizi”. Vabbè, ma a Roma che succede? Urge consultazione del giornale di bottega e portafoglio, Er Messaggero dove a centro pagina c’è un’Alfanata e una Buzzicata (parola valida su Scrabble, pare): “Roma, slitta la relazione Alfano. Buzzi: nel Pd guerra per i soldi”. C’è sempre qualche guerra, nel Pd. Buona giornata.

 

Germania ok. Gli ordini all'industria in Germania salgono del 2% mensile a giugno. Gli analisti si attendevano un +0,2% Gli ordini dall'estero schizzano a +4,8%. Piaccia o meno, è un paese che funziona.

 

Palazzo Chigi. Finita la fase SamuRai di Renzi, c’è un consiglio dei ministri alle 18.

 

Palazzo Madama. Il Senato ha chiuso i lavori, ci si rivede l’8 settembre con questo ordine del giorno: “Disposizioni volte a garantire la parità della rappresentanza di genere nei consigli regionali”.

 

Montecitorio. Chiusa anche la Camera dei deputati, appuntamento all’8 settembre con lo “svolgimento di una interpellanza e interrogazioni”.

 

Servizi Segreti & Giustizia. Non tutti sono in vacanza. E’ una giornata piena di lavoro oggi al Copasir, il comitato parlamentare di controllo dei servizi segreti. Due audizioni. La prima alle 10 con il direttore dell'Agenzia informazioni e sicurezza esterna (AISE), Alberto Manenti; la seconda alle 18.30 con il ministro della Giustizia Andrea Orlando.

 

Dissesto. Come sapete, c’è quello idrogeologico. Si fanno un sacco di convegni, sul dissesto. E stamattina anche una riunione dei ministri Graziano Delrio e Gianluca Galletti (Palazzo Chigi, Sala Stampa - ore 10,30)

 

Manager e dipendenti. Novità per le società quotate negli Stati Uniti. Dovranno rendere pubblico il divario tra lo stipendio dei propri manager e quello medio dei dipendenti. Lo ha deciso la Securities and Exchange Commission (SEC) con un voto di 3 a 2. Informazioni agli azionisti o carburante per speculazioni politiche? Il dibattito è aperto. (via Financial Times).

 

Pirelli & Telecom. Oggi Pirelli presenta i risultati alla comunità finanziaria, ore 18.30, live webcast. Domani è il turno di Telecom, che presenta i risultati del primo semestre, conference call alle 12, presentazione in audio streaming e slideshow. Sono due appuntamenti importanti, le aziende rappresentano infrastrutture strategiche e innovazione italiana.

 

Hiroshima. E’ il 70mo anniversario. La Bomba.

 

 

Presidenziali americane. Primo importante dibattito televisivo stanotte negli Stati Uniti. Si confrontano 17 repubblicani in due turni (prima 10, poi sette). Su Fox News. Si prevede uno show di Donald Trump che guida la corsa dei sondaggi doppiando Jeb Bush.

 

Accade in Sicilia. Vista poca fa sul taccuino dell’Agi: “Ragusa: il presidente della commissione Sanità dell'Ars, Digiacomo, incontra il miliardario italoamericano Giuseppe Giuffrè, che ha revocato una donazione all'Asp perche' il manager lo ha fatto attendere a lungo senza riceverlo (Hotel Mediterraneo, ore 16). Serve un commento? No, dai.

 

Rolling Stones o Beatles? Eterno dilemma. Nel dubbio, c’è un Keith Richards che dice a Esquire: “Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band è pieno di merda. Alcuni pensano che sia un album geniale ma io penso che sia un guazzabuglio di immondizia, e roba del genere”. E’ bello essere amici, dopo tanto tempo.

 


 

Keith Richards e Mick Jagger


 

6 agosto. 1890, pena di morte, prima esecuzione con la sedia elettrica, nella prigione di Auburn, New York.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi