Nelle vene dell'America

William Carlos Williams
Adelphi, 307 pp., 12 euro
Nelle vene dell'America

Nato a Rutherford, New Jersey, nel 1883, e lì morto nel 1963, William Carlos Williams era uno strano figlio di portoricani dal cognome anglofono, giunti negli Stati Uniti prima che Porto Rico fosse conquistata nella Guerra ispano-americana. Di origini inglesi e spagnole il padre, basche ed ebraico-olandesi la madre. Vero figlio del melting pot americano, Williams era eclettico anche nelle professioni esercitate:  medico con specializzazione in Pediatria di giorno,  poeta e scrittore di notte. In realtà, era solito dire che le sue due attività erano complementari, e che molti soggetti delle sue storie gli erano stati ispirati proprio dai pazienti da lui curati. E forse il libro che lo rappresenta di più nel suo caratteristico eclettismo è proprio questo, risalente al 1925.  E’ narrativa ispirata alla storia: un rimescolamento di documenti, brani di diario e frammenti di testimonianze fusi in uno studio, come lui stesso spiegò, “in cui avrei tentato di scoprire per me stesso che cosa potesse significare la terra dove, più o meno accidentalmente, ero nato”. E’ prosa, ma poetica. Parla del nord America wasp, ma collegato nelle sue radici a un’America latina ispanofona che lo presuppone. E’, infine, un mito delle origini, uno dei tanti che nel sud del continente sarebbero poi divenuti best-seller nella seconda metà del Ventesimo secolo. Si pensi solo a “Cent’anni di solitudine” di Gabriel García Márquez e “Memoria del fuoco” di Eduardo Galeano.  Il tentativo “di dare un nuovo nome alle cose viste, ora perdute in un caos di titoli d’accatto, spesso fuori luogo, sotto i quali si cela il carattere autentico”. “Alla fine di questa interrogazione, i volti diversi si cancellano, i fatti storici si amalgamano, tutte le voci diventano le sfumature di una voce sola”, spiegò Pietro Citati in un saggio menzionato nella quarta di copertina.

 

“L’America di William Carlos Williams è un unico, immenso corpo femminile, disteso tra due oceani, che possiede la drammatica inesauribilità delle figure mitiche”.  Si inizia infatti con Erik il Rosso, lo scopritore vichingo del nuovo mondo. E si approda ad Abramo Lincoln, che col ferro e col fuoco cercò di forgiare i vari ingredienti etnici e culturali d’America in una nuova, superiore sintesi. In mezzo, sfilano  eroi famosi che sono rievocati con tono lirico pur nel momento in cui vengono fatti scendere dal piedistallo. E forse l’icona massima è rappresentata da Edgar Allan Poe, colui che fondò l’identità letteraria americana proprio perché sembrava il meno americano degli scrittori.

 

NELLE VENE DELL’AMERICA
William Carlos Williams
Adelphi, 307 pp., 12 euro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi