cerca

E' il giorno di Mattarella

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Bloomberg, Times, Expansion, Echos

7 Maggio 2018 alle 09:03

I cattivi alunni del prof. Mattarella

Sergio Mattarella (foto LaPresse)

Una concessione dei Cinquestelle

 

Londra, 7 mag - (Agenzia Nova) - Il leader dell'anti-sistema Movimento 5 stelle (M5s), Luigi Di Maio, ha proposto alla Lega di scegliere insieme il nuovo primo ministro; in precedenza Di Maio aveva insistito nel voler guidare lui stesso una possibile coalizione e con questa sua nuova offerta spera di rompere lo stallo politico in Italia, che dura dalle elezioni del 4 marzo scorso. Questo sviluppo è riportato dal quotidiano britannico "The Times" in cima alle notizie "brevi". Matteo Salvini, il leader della Lega, venerdì scorso aveva proposto la formazione di un governo-ponte tra M5s e Lega per scrivere la prossima legge Finanziaria e preparare il paese a nuove elezioni. 

Continua a leggere l'articolo del Times

 


 

I 5 stelle aprono a colloqui per un governo politico

 

New York, 7 mag - (Agenzia Nova) - Il candidato premier del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, ha rivolto una nuova offerta di dialogo con la Lega di Matteo Salvini per la formazione di un governo di coalizione, dopo le inconcludenti elezioni del 4 marzo. Di Maio ha confermato la chiusura diel Movimento a una partecipazione di Forza Italia e dell'ex premier Silvio Berlusconi, alleato della Lega; Il leader dei Pentastellati, però, si è detto pronto a rinunciare alla carica di presidente del Consiglio, se ciò potrà contribuire a un accordo programmatico tra i due partiti. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, terrà oggi le ultime consultazioni con le delegazioni dei partiti; Mattarella potrebbe optare per la nomina di un governo transitorio affidato a figure tecniche, che garantisca quantomeno l'approvazione della nuova legge di bilancio.

Continua a leggere l'articolo di Bloomberg

 


 

Le istituzioni italiane contrarie alla partecipazione di Bolloré a Tim

 

Parigi, 7 mag - (Agenzia Nova) - Le istituzioni italiane si son sempre mostrate reticenti alla partecipazione di Vivendi in Telecom Italia. È quanto afferma “Les Echos”, sottolineando che il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, “ha esultato” per la sconfitta del gruppo di Vincent Bolloré all’assemblea generale di Tim. “Nel 99 per cento dei casi l’interesse nazionale è attrarre più investitori esteri. Ci sono rari casi in cui questi investimenti diventano predatori. E occorre reagire” ha scritto Calenda sul suo profilo Twitter. Vivendi oggi lamenta un voto che potrebbe essere stato influenzato dalle istituzioni italiane. Importante l’affluenza all’ultima assemblea generale, “che sembrava più una mobilitazione generale per cacciare i francesi fuori dal consiglio di amministrazione”.

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

Italia: vendite record per la Ferrari

 

Parigi, 7 mag - (Agenzia Nova) - La casa automobilistica italiana Ferrari ha già venduto tutta la produzione del 2018 e una parte di quella dell’anno successivo. Lo riferisce “Les Echos”, scrivendo che la casa automobilistica di Maranello “va veloce, molto veloce”. In occasione della presentazione dei risultati trimestrali, il presidente Sergio Marchionne ha fatto sapere che restano solo alcuni esemplari di GTC4 Lusso. Le consegne aumentano del 6,25 per cento a 2.128 veicoli, mentre il volume d’affari sale dell’1,3 per cento a 831 milioni di euro. A settembre Marchionne presenterà il piano quinquennale, che dovrebbe includere i dettagli per lo sviluppo di vetture ibride.

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

Abertis: gli azionisti avranno tempo fino a domani per accettare l’offerta di Acs

 

Madrid, 7 mag - (Agenzia Nova) - Le sorti dell’offerta di acquisto congiunta di Acs e Atlantia su Abertis si conosceranno domani, martedì 8 maggio, termine ultime per accettare l’offerta, dal valore di 18 miliardi di euro. Lo riferisce il quotidiano economico spagnolo “Expansion”, che sottolinea come l'esito dell'offerta congiunta di Acs e Atlantia, che ha scongiurato una "guerra" di Opa, offerta pubblica di acquisto, costituisce il primo passo dell'alleanza tra il gruppo presieduto da Florentino Pérez e la compagnia italiana controllata dalla famiglia Benetton. 

Continua a leggere l'articolo di Expansion

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi