cerca

Il ballo tra Salvini e Berlusconi nel centrodestra

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Financial Times, Les Echos, Sueddeutsche Zeitung, Abc...

21 Marzo 2018 alle 10:20

Il ballo tra Salvini e Berlusconi nel centrodestra

Foto LaPresse

Lega dirige le danze e Berlusconi è scontento per l'inusuale ruolo di comprimario

Londra, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - Le recenti divisioni sorte all'interno della coalizione di centro-destra rischiano di complicare ulteriormente il compito del presidente italiano, Sergio Mattarella, che fra pochi giorni inizierà le consultazioni formali per dare vita a un governo dopo le elezioni de 4 marzo scorso, da cui non è uscito un chiaro vincitore: così il quotidiano economico britannico "The Financial Times" giudica le tensioni emerse in pubblico tra il partito di Silvio Berlusconi, Forza Italia, e la Lega di Matteo Salvini che sta trattando con il Movimento 5 stelle (M5s) per la scelta dei presidenti delle Camere.

Leggi l’articolo del Financial Times

L'Italia dall'inizio di marzo ha raddoppiato l'acquisto di gas da Gazprom

Mosca, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - L'Italia dal primo al 19 marzo ha aumentato l'acquisto di gas russo del 99 per cento rispetto al medesimo periodo del 2017. È quanto si afferma in un comunicato di Gazprom. Durante questo periodo, Gazprom ha fornito all'Italia 1,3 miliardi di metri cubi di gas. Nell'intero 2017, 23,8 miliardi di metri cubi di gas russo. "Va notato che per diversi decenni, Gazprom è stato un fornitore di gas affidabile per l'Italia. Al momento, il paese è il terzo principale importatore di gas russo", ha riferito la società nel comunicato ripreso dai media russi. Martedì si è svolto a Mosca un incontro di lavoro tra Aleksej Miller, presidente del comitato di gestione di Gazprom e Pasquale Terracciano, ambasciatore italiano in Russia, nel quale si è parlato dei progressi delle attività volte a creare una rotta meridionale per l'approvvigionamento di gas russo destinato all'Europa. "Particolare attenzione è stata rivolta alla questione della diversificazione delle rotte di esportazione di gas dalla Russia verso l'Europa. Le parti hanno esaminato i progressi dell'organizzazione della rotta meridionale delle forniture attraverso il Mar Nero”, si legge in una nota. Miller ha informato Terracchiano del completamento del processo di posa di oltre il 50 per cento della sezione offshore del gasdotto Turkish Stream.

Leggi l’articolo del Vedomosti

L’Italia primo paese in Europa per consumo di acqua in bottiglia

Parigi, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - In Europa l’Italia è il primo paese consumatore di acqua in bottiglia. Lo riporta “Les Echos”, sottolineando che con 206 litri per abitante all’anno, la Penisola è davanti alla Germania e alla Francia. Gli italiani consumano 29 litri in più dei tedeschi, 84 litri in più dei francesi e 85 in più degli spagnoli. L’80 per cento della popolazione afferma di bere più di mezzo litro di acqua al giorno e 9 italiani su 10 preferiscono l’acqua di rubinetto a quella in bottiglia. L’Italia è anche uno dei principali produttori al mondo, con 280 marche detenute da 156 imprese, per un totale di 13 miliardi di litri prodotti. Negli ultimi dieci anni la produzione è aumentata di un terzo. Nel 2016 sono stati venduti circa 9 miliardi di litri per circa 2 miliardi di euro.

Leggi l’articolo dell’Echos

Le autorità italiane accusano la Ong catalana Open Arms di essere un’organizzazione criminale

Berlino, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - La nave dell’organizzazione non governativa catalana Proactiva Open Arms è stata sequestrata dalle autorità italiane a Pozzallo, in Sicilia. La Ong è accusata di favoreggiamento all’immigrazione clandestina, reato per cui si rischiano fino a 12 anni di carcere. L’incidente che ha portato al sequestro risale a diversi giorni fa: circa 73 miglia al largo coste della Libia Open Arms ha soccorso gommoni con un totale di 218 migranti, tra cui molte donne e bambini, nonostante il centro di coordinamento di Roma avesse ordinato di affidare le operazioni di soccorso alla Guardia costiera libica. Open Arms afferma che i guardiacoste libici fossero aggressivi, ed ha ignorato anche l'ordine di Roma di sbarcare i migranti a La Valletta, a Malta, il porto sicuro più vicino, proseguendo invece verso le coste italiane. Il sequestro è stato ordinato da Carmelo Zuccaro, il procuratore di Catania, noto per le sue accuse alle Ong di collaborare con i trafficanti di esseri umani. Oscar Camps, capo di Open Arms, ha collegato il sequestro al clima politico italiano e alla vittoria delle forze populiste in quel paese: “La solidarietà umanitaria è ora considerata un reato”. Matteo Salvini dalla destra populista della Lega, ha scritto su Twitter: “Finalmente un pubblico ministero ferma il traffico. Vado a Catania per conoscerlo”. L’altro vincitore delle elezioni, Luigi Di Maio del partito di protesta Cinque Stelle, una volta ha chiamato le navi delle Ong “Taxi dei mari”. L'Italia, lasciata sola dai partner europei, ha negoziato lo scorso anno un controverso accordo con il governo libico di Tripoli, chee però si è dimostrato efficace nel far calare i flussi verso la Penisola: all’inizio del 2018 6.161 migranti sono arrivati via mare in Italia, secondo i dati ufficiali; nello stesso periodo dell’anno scorso erano stati 15.563.

Leggi l’articolo della Sueddeutsche Zeitung

Il Vaticano parteciperà alla Biennale di Venezia

Madrid, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - Per la prima volta nella storia, il Vaticano parteciperà alla Biennale di Architettura di Venezia con dieci cappelle progettate e disegnate, tra gli altri, dall’architetto britannico Norman Foster, dagli spagnoli Ricardo Flores ed Eva Prats e dal portoghese Eduardo Sotto de Moura. Lo ha riferito ieri il quotidiano spagnolo “Abc”, che aggiunge come la Santa Sede abbia presentato i dettagli della proposta di partecipazione alla mostra internazionale di architettura durante una conferenza stampa.

Leggi l’articolo del Abc

 


PANORAMA INTERNAZIONALE


 

L'Ue si schiera a favore del Cremlino

Londra, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - Il presidente russo Vladimir Putin ha davvero pochi motivi di preoccuparsi di una presa di posizione decisa da parte dell'Unione Europea sulla vicenda dell'ex spia sovietica Sergei Skripal, avvelenato con un agente nervino nella città britannica di Salisbury: lo scrive il quotidiano inglese "The Times", in un "dietro le quinte" in cui l'autore Charles Bremner ricorda non solo la storica simpatia per la Russia in Italia, Grecia e Francia, ma anche il fatto che le recenti elezioni italiane e tedesche abbiano premiato gli amici del Cremlino. Dal voto italiano del 4 marzo scorso, infatti, sono emersi come principali vincitori due partiti, il Movimento 5 stelle e la Lega di Matteo Salvini, che hanno stretti legami con Putin tanto che il leader leghista, l'anno scorso, ha persino firmato un patto di cooperazione con il partito Russia unita del presidente russo.

Leggi l’articolo del Times

Ue: nel 2017 metà richiedenti asilo rispetto all’anno precedente

Berlino, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - Circa 650.000 persone hanno presentato domanda di asilo nell’Unione europea per la prima volta nel 2017, circa la metà rispetto al 2016. Circa il 31 per cento di queste domande sono state presentate in Germania. I dati sono stati pubblicati dall’ufficio europeo di statistiche Eurostat martedì scorso. La maggior parte dei richiedenti asilo, 102.400, provenivano dalla Siria, altri 47.500 dall’Iraq e 43.600 dall’Afghanistan. Proprio da questi tre Stati sono fuggite il 30 per cento delle persone in cerca di protezione. Con 198.300 domande, la Germania è risultata il primo paese ospitante , ma ha registrato comunque un calo del 73 per cento rispetto all’anno precedente. A seguire l’Italia con 126.600 domande e la Francia con 91.100. In termini di popolazione, però, la Grecia ha ricevuto il maggior numero di persone in cerca di protezione nel 2017, ossia 5.295 per milione di abitanti, seguita da Cipro con 5.235 e dal Lussemburgo con 3.931. Al contrario, la Slovacchia è in fondo alle statistiche con 27 candidati per milione di abitanti, insieme alla Polonia (79) e al Portogallo (98). Secondo Eurostat, circa 927.300 nuovi e vecchi richiedenti asilo erano in attesa di una decisione alla fine del 2017, poco meno di un anno prima, quando sono state trattate quasi 1,1 milioni di domande. Solo in Germania circa 443.800 domande sono state presentate all’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati alla fine del 2017.

Leggi l’articolo del Frankfurter Allgemeine Zeitung

Spagna: processo a Juana Rivas inizierà il 14 giugno

Madrid, 21 mar 08:35 - (Agenzia Nova) - Juana Rivas, la madre di Maracena che nel maggio del 2016 aveva portato i propri figli fuori dall’Italia senza l’autorizzazione del padre, dovrà comparire il prossimo 14 giugno davanti al giudice per rispondere dell’accusa di sottrazione di minori. Lo riferisce il quotidiano spagnolo “El Pais” che riassume la vicenda tra la Rivas e l’ex marito italiano Francesco Arcuri che potrà partecipare al processo in videoconferenza. La Rivas rischia fino a cinque anni di carcere, due anni e mezzo per ogni minore.

Leggi l’articolo del Pais

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi