cerca

Capra e corvo, “idoli poetici”

19 Maggio 2018 alle 06:25

Capra e corvo, “idoli poetici”

Una capra in fondo alla strada, ieri, e un corvo col becco conficcato sui tomi di Schopenhauer facevano a gara coi loro versi – uno fischiava per come poteva, l’altra gemeva di bisogni tanto era gonfia di latte – per richiamare l’attenzione dei vigili urbani di passaggio sull’Aurelia Antica, a Roma, e avere da loro aiuto. A ciascuno il suo buon motivo: uno non voleva rileggere sempre e continuamente Il Mondo come volontà e rappresentazione, l’altra, invece, desiderava liberarsi del peso e magari trovare un po’ di sale e un conturbante massaggio. Fatto fu che i due ebbero a risultare perfetti nel ruolo di “idoli poetici” e fu così che – a dispetto dei loro bisogni – il sentimento sorprendentemente gioviale di lei e quello sempre sottile di lui, generò un vaudeville surrealista a Villa Pamphili: “Applauditeci”, sembravano dire capra e corvo, “non ne capite niente, né voi, e neppure tanti altri, ma un giorno batterete le mani vedendo in noi ciò che nessuno saprà mai vedere!”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    21 Maggio 2018 - 19:07

    Per quanto ne so, il corvo finì arrosto. La capra, qualcuno la mungerà. Se vogliono applausi, vadano da Floris ché sempre di commedia si tratta.

    Report

    Rispondi

Servizi