cerca

Le canzoni che arrivano d’improvviso

Lucio Battisti dilagava oltre lo sferragliare dei convogli nella metro di Roma 

24 Aprile 2018 alle 06:13

Le canzoni che arrivano d’improvviso

Foto di FaceMePLS via Flickr

Respirando. Le canzoni che arrivano d’improvviso. Vengono dal passato e scavano lo struggimento nella carne. Ed ecco, respirando: “Mi domando perché più ti allontani e più mi sento mia”. In un transito metropolitano, ieri, nel tratto Barberini-Lepanto, dalle cuffie di un pendolare dilagava oltre lo sferragliare dei convogli un brano di Lucio Battisti. “Respirando”, appunto. Un pezzo perfetto. Entrava nel cervello dei passeggeri e si prendeva – nel canto – il loro cuore: “Il primo dei ricordi che veloce appare”. Il primo dei ricordi è sempre un maledetto dolore, si sa, e tutti quei cuori – ieri, nel viaggio della metropolitana di Roma – respirando, facevano sbocciare, con i baci sognati, le più nascoste viole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi