cerca

E fu felicità, all'isola Tiberina

Cicalazadè trovando un legno da far navigare lungo il Tevere orchestrò per Luna i suoi bisbigli

24 Gennaio 2018 alle 06:28

E fu felicità all'isola Tiberina

Una zuppa di cielo, ieri, lumeggiava con Luna invisibile a tutti ma non a Lupo. Una vampa di baci, come di una brace inesplorata, regalava ai passanti, ai mezzi pubblici e pure ai cavalli della Forza Pubblica un istante di beato manicomio. Come se fosse primavera fu che si alzò il vento e ci fu ancora più luce e Cicalazadè – il Lupo – trovando un legno da far navigare lungo il Tevere, si portò verso le ondine della Tiberina e lì, portando cespi di ranuncoli, orchestrò per Luna i suoi bisbigli. Quelli che fanno dire ai giorni tristi – e ieri lo era – arriverà il momento lieto. E fu felicità. Lungimirante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi