L’Italia dei treni tagliata a metà. Due ministri incapaci litigano e i No Tav ridono

C’è anche la Val di Susa

Reporter:

David Allegranti

1

23/07/2019

Firenze. Duecentonovantacinque minuti. Fanno cinque ore. I tabelloni degli orari dei treni di Firenze Santa Maria Novella segnano, implacabili, i ritardi sulla tratta per Roma. E’ un lunedì d’estate, è il 22 luglio, si va al lavoro o in villeggiatura, e l’Italia è tagliata in due. Treni cancellati, lavoratori e turisti rimasti a piedi, picnic improvvisati con i panini del McDonald’s sul pavimento della stazione fiorentina, gente che dorme abbattuta dal caldo e sdraiata sugli zaini, ventagli in azione per...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.