Rischia di vincere un altro film orientale, gli unici rimasti a raccontare storie

Reporter:

Mariarosa Mancuso

2

24/05/2019

C ampione di narcisismo – sport molto praticato quest’anno al Festival di Cannes – è stato Xavier Dolan con “Matthias e Maxime”: il trentenne ex ragazzo prodigio canadese (fu lanciato dalla Quinzaine nel 2009 con “J’ai tué ma mère”, “one man film” scritto diretto prodotto e recitato). Per vezzo, si fa disegnare sulla guancia una notevole voglia di fragola, come le attrici che si imbruttiscono in vista degli Oscar. Ha la parte di Maxime, in procinto di partire per due...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.