Giampaolo rassicura i fedeli mentre Dzeko vaga senza meta

L'allenatore della Samp era stato messo al bando per un po’, come un eretico, un uomo che vive la religione troppo al di là della ragione e delle regole. Il bosniaco invece sembra un sordo che non capisce il senso delle cose

30 Gennaio 2018 alle 14:24

Il curato

La voce ha un tono basso, e l’alito, par di sentirlo, profuma di digiuno. Il sorriso è bonario, come di chi vive con pazienza. Giampaolo non parla tanto per parlare, rassicura i fedeli. Li sprona a seguirlo nel suo credo. Era stato messo al bando per un po’, come un eretico, un uomo che vive la religione troppo al di là della ragione e delle regole. Gli avevano assegnato una piccola cappella in cima ad una salita di campagna. In pochi la conoscevano, tanto che spesso, la domenica durante la messa, restava quasi vuota. Oggi il curato ha una sua chiesa, con tanto di campanile. Per ogni celebrazione un suono di campane

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi