cerca

Da oggi i fanatici trumpisti hanno anche un pastore in Vaticano

Leggendo la lettera che l'arcivescovo Viganò ha indirizzato a Trump vengono in mente gli Esseni. E come non ci sia nulla di più pericoloso e feroce di una maggioranza che si crede perseguitata

12 Giugno 2020 alle 06:00

Da oggi i fanatici trumpisti hanno anche un pastore in Vaticano

Non date retta ai giornali, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò non ha inviato una lettera a Donald Trump, gli ha inviato un manoscritto del Mar Morto. Dal rotolo apocrifo di Viganò: “Signor presidente, stiamo assistendo in questi mesi al formarsi di due schieramenti che definirei biblici: i figli della luce e i figli delle tenebre”. Lui li definirebbe biblici, e io mica voglio fare a gara con un arcivescovo, ma a me questo incipit ricorda tanto quello della “Regola della guerra” degli Esseni, primo secolo a. C., che annuncia la grande battaglia escatologica: “L’inizio si avrà allorché i figli della luce porranno mano all’attacco contro il partito dei figli delle tenebre”. La pergamena di Viganò non viene da Qumran, viene palesemente da QAnon, la setta di fanatici trumpisti secondo cui il presidente è un guerriero della luce segretamente in lotta contro la cabal di satanisti pedofili che muove i fili del mondo dalle tenebre del deep state, in attesa della vittoria apocalittica che chiamano la Tempesta. Ebbene, da oggi queste capre hanno un pastore in Vaticano. Il Nemico invisibile dell’umanità è il deep state dei massoni mondialisti, scrive questo secondo tragico Barruel, ma “cadranno gli inganni dei figli delle tenebre, saranno svelate le loro trame”. E’ la Tempesta! C’è un piccolo problema, però. Gli Esseni erano quattro gatti, di cui i romani si sbarazzarono facilmente. I figli della luce di Viganò sono invece “la parte più cospicua dell’umanità”, ostaggio di una minoranza di malvagi. E la storia insegna che non c’è nulla di più pericoloso e feroce di una maggioranza che si crede perseguitata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    12 Giugno 2020 - 13:58

    Quando ho letto la lettera ho pensato fosse il passo di un nuovo romanzo di Dan Brown. Il livello di farneticazione è però perfetto per il destinatario. Attenzione però a derubricarlo allo stralunato bisogno di notorietà ed al desiderio di vendetta di un prelato messo nell'angolo, perché esprime la presenza di forze portatrici di idee molto pericolose.

    Report

    Rispondi

  • rosamuss

    12 Giugno 2020 - 09:51

    ma cosa scrive? Hanno un pastore in Vaticano? Ma Viganò è STATO ESPULSO DAL VATICANO! La verità è molto più semplice e natte: Trump NON è massone. Nella storia degli USA tutti i presidenti sono massoni, tranne 4: 1-William McKinley 2-JFK 3-Nixon l'unico uomo entratoed uscito POVERO dalla casa Bianca. 4-Trump. Il resto sono fandonie di falsi informati: di ciechi che pretendono di guidare monocoli.

    Report

    Rispondi

    • Minerva

      12 Giugno 2020 - 18:16

      Mi sa che li da lei, in Russia (?) , hanno problemi a capire l'italiano. Infatti c'e' scritto "Il Nemico invisibile dell’umanità è il deep state dei massoni mondialisti", che c'entra Trump? Nervi scoperti?

      Report

      Rispondi

  • Ago68

    12 Giugno 2020 - 07:24

    Bravissimo. Era ora.

    Report

    Rispondi

Servizi