Dall'impossibile al fattibile

4 Giugno 2014 alle 18:00

Una democrazia non obbligata alla ricerca ossessiva dei consensi: la madre di tutte le utopie. Rimaniamo in casa nostra, questa ricerca, da noi, è esaltata al massimo, con effetti deleteri sulla stessa democrazia, perché non abbiamo mai avuto una legge elettorale che potesse dar luogo a governi, democraticamente, liberamente scelti dagli elettori, che non fossero condizionati o sotto ricatto di minoranze organizzate, dentro il governo stesso, dentro il Parlamento, per non parlare di quelle della cosiddetta società civile e delle parti sociali. Ho scritto, legge elettorale, dovevo scrivere, Costituzione. Oppure è uno scherzo del destino che dal 1994 ad oggi non abbiamo mai avuto due legislature consecutive con lo stesso indirizzo politico?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi