cerca

Per favore, non salvatemi

28 Maggio 2014 alle 13:04

Prendendo spunto dai recenti eventi elettorali e dai relativi sproloqui di tanti politici, mi sorge spontanea una preghiera a questi signori: per favore non salvatemi. I nostri politici (direi tutti, anche se alcuni eccedono maggiormente) tendono a presentarsi come i nostri salvatori, quelli che sanno che cosa è bene per noi e che cosa devono fare perché noi viviamo felici (anche se noi, magari, non lo capiamo perché siamo imbecilli, pensionati, ecc.). Le esternazioni di Grillo e di molti grillini sono un valido esempio di quanto detto, ma, con profondo sconforto, ho dovuto sentire (ancora!) Bertinotti parlare di masse oppresse (noi) che "devono" essere protette (da lui?) contro lo sfruttamento delle minoranze elitarie. Purtroppo è la solita storia: tutti si sentono dei geni incompresi e considerano gli altri (specialmente se non condividono le loro idee) dei poveri mentecatti che devono essere guidati e, magari, "rieducati". Premesso che io sono un pensionato ed il solo fatto di essere riuscito, di questi tempi, a raggiungere questo bersaglio (senza mazzette, "amicizie" e via dicendo), mi rende molto orgoglioso di me stesso e poco propenso ad accettare di essere offeso da un "grillo qualunque", vorrei ripetere a tutti questi uomini della provvidenza (minuscolo): sì, è vero che non c'è paragone tra la mia pensione e le vostre, è vero che voi entrate gratis praticamente ovunque e non vi vergognate nemmeno di pagarvi anche le gomme da masticare con le tasse che io pago, ma per favore, non salvatemi, di tutto ho bisogno tranne che della vostra presunzione (se poi perdete anche le elezioni, o non riuscite a salvare il mondo, forse fareste bene a dare degli imbecilli a quelli che vedete tutte le mattine ... mentre vi fate la barba).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi