cerca

Suicidio stoico

22 Aprile 2009 alle 11:15

Onfray mostra di intendere il suicidio stoico quale atto di libertà. Nulla di più falso: il saggio stoico si caratterizza per essere obbiedente e sottomesso al Logos, o Necessità, o Fato. Il suicidio, mai autonomamente cercato, è dunque solo la forma estrema di adesione a quanto stabilito per lui dalla Norma suprena; non si dà contro, ma seguendo un ordine. Di fatto è, quindi, sempre subito, non scelto. E lo Stesso Seneca a Lucilio scrive che i suicidi che non seguono un simile ordine, non hanno altro, vano e disprezzabile, scopo che vincere la paura della morte con la scelta della morte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi