In Russia ora chi protesta non prende più una multa, finisce in carcere, in condizioni tremende

Il giornalista Smirnov condannato per un retweet, i manganelli e gli arresti alle proteste. La logica semplicistica delle punizioni esemplari

Micol Flammini

Putin è disposto a stipare in prigione la parte del paese che non sta con lui e che è stanca dell'erosione della democrazia russa. Oltre Navalny, sono tante la storie da seguire con attenzione

Di più su questi argomenti: