Liberi di parlare. Anche nelle università

Londra introduce nuove regole sulla libertà di parola nei campus. Tra le polemiche si scorge il problema vero

4 Maggio 2018 alle 11:02

Liberi di parlare. Anche nelle università

Contestazioni per la presenza Daniela Santanchè all'università di Firenze per parlare di ius soli. Foto LaPresse

Milano. Nelle università bisogna farsi assalire dalle opinioni degli altri, confrontarsi, discutere, argomentare, contrattaccare: se non impari nel campus a difendere le tue idee, figurati poi, quando sarai fuori da lì, dice il ministro per le Università britannico, Sam Gyimah. Ieri ha organizzato un incontro sulla libertà di parola nei campus universitari, per introdurre una serie di linee guida a tutela del free speech, che vuole, tra le altre cose, togliere la possibilità agli studenti di boicottare ospiti che hanno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Moga64

    Moga64

    04 Maggio 2018 - 13:01

    Roma 3 è un ottimo esempio di meritocrazia.....con nuovi e giovani professori che non hanno parentele né con il mondo universitario né con il mondo della politica, no no e poi no!

    Report

    Rispondi

Servizi