Perché il Washington Post pubblica articoli di lode a Xi Jinping?

Il giornale sentinella della democrazia giustifica le ultime decisioni del leader di uno dei paesi più autoritari del mondo camminando sul confine tra fascinazione e soft power

5 Aprile 2018 alle 06:13

Perché il Washington Post pubblica articoli di lode a Xi Jinping?

Xi Jinping

Roma. “Democracy Dies in Darkness” recita il motto subito sotto la testata – cartacea e online – del Washington Post, fatto aggiungere circa un anno fa come risposta orgogliosa agli attacchi di Donald Trump contro la stampa libera. Senza la luce del giornalismo intransigente, recita il motto, la fiaccola della democrazia rischia di “morire nell’oscurità”. Da quando Trump ha annunciato la sua candidatura alla presidenza americana, complici le tasche profonde e il know-how tecnico del proprietario Jeff Bezos, il Washington...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi