cerca

La strage di Las Vegas e le bufale dell'Isis

Lo Stato islamico rivendica l'attentato (almeno 59 morti), ma senza prove. Da un po’ di tempo ha il vizio delle fake news

2 Ottobre 2017 alle 21:26

La strage di Las Vegas e le bufale dell'Isis

Las Vegas, spari sulla folla ad un concerto country (foto LaPresse)

Roma. Ieri pomeriggio l’agenzia Amaq dello Stato islamico ha rivendicato l’attacco di Las Vegas. Pochi minuti dopo, una seconda agenzia specificava, come a voler convincere gli scettici, che lo stragista si era convertito all’islam pochi mesi prima. Stephen Paddock, sessantaquattrenne pensionato che si faceva fotografare con alcolici e ragazze asiatiche e metteva le immagini su Facebook sembra un candidato poco probabile a una “operazione da martire” con il nome di Abu Abdul Barr al Amriki. A questo punto, soltanto una di queste due cose è vera: o Amaq dice il vero, e siamo di fronte a una dimostrazione di forza da parte dello Stato islamico che ha fatto una strage a Las Vegas (come minacciava di fare in un video a maggio) con un insospettabile, oppure mente e allora siamo di fronte alla caduta più rovinosa anche del gioiello più prezioso dello Stato islamico, il settore media.

  

Non è vero come talora si dice con superficialità che il gruppo terrorista ogni giorno spii le notizie in attesa di appropriarsi della responsabilità di qualche omicidio di massa. In passato, ha dimostrato di essere affidabile e di avere materiale esclusivo, come le rivendicazioni di attentatori suicidi registrate prima della morte – i due assassini di padre Jacques Hamel in Normandia, per esempio, oppure lo stragista del mercatino di Natale a Berlino, Anis Amri. Ma negli ultimi tempi, per la disperazione di portare ai seguaci del gruppo qualche notizia incoraggiante, invece che la consueta sfilza di battaglie perse e di bombardamenti subiti, lo Stato islamico ha cominciato a gonfiare i numeri e a spacciare bufale. La settimana scorsa per esempio ha fatto circolare cifre esagerate a proposito delle perdite subite dall’esercito siriano nella Siria orientale, probabilmente perché si trattava di un’offensiva scatenata per fare da preludio al discorso del capo, Abu Bakr al Baghdadi, fatto circolare poco dopo. Era come se i leader avessero chiesto al settore media di dare notizie grandiose per fare da antipasto al sermone di Baghdadi – che parla una volta l’anno perché secondo fonti di intelligence irachena vive ormai dentro una bolla di sicurezza isolata dal resto del mondo e questo è un altro segno di sconfitta.

     

Amaq si è fatta indulgente con le fake news: a giugno si è appropriata di un raid con incendio dentro un casinò di Manila, che invece era opera di uno scommettitore imbufalito, tale Jessie Javier Carlos. “Si era convertito all’islam pochi mesi fa”, ha scritto lo Stato islamico, ed è la stessa frase usata ieri per intestarsi la strage di Las Vegas. Poi ci sono stati altri casi minori, come per esempio un allarme bomba all’aeroporto Charles de Gaulle. Ieri l’Fbi in conferenza stampa ha detto che per ora non c’è alcun collegamento con il terrorismo internazionale. E va notato che Paddock si è suicidato e non si è fatto abbattere dalla polizia durante l’operazione, come avrebbe dovuto fare un “martire”. Grave peccato anche secondo l’islam. Insomma, o il gruppo terroristico più pericoloso ma anche più in crisi del mondo non riesce a tirare fuori qualche prova a sorpresa – per esempio un video di Paddock che giura fedeltà a Baghdadi, la cosiddetta bay’a – oppure Amaq, che temiamo per i suoi annunci di stragi, ha fatto un passo verso il ridicolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    03 Ottobre 2017 - 12:12

    In pochi giorni: donne tucidate in nome di Allah a Marsiglia; passanti falciati da un furgone dell’Isis in Canada e, da ultimo, spettatori mitragliati a Las Vegas con rivendicazione postuma, sempre dell’Isis: la questione non è che la rivendicazione sia o meno un fake, ma è - as usual -: in nome di quale altro credo religioso (anche deviato, estremizzato, male interpretato, provocato, fanatizzato, strumentalizzato, inflitrato da malandrini dei servizi segreti o non so cosa...) ci si sarebbe mai sognati di “appropriarsi” di una simile “impresa”? E se non piace che si ponga la “questione islamica”, meglio si farebbe, allora, a smettere di parlare di “terrorismo” e dedicarsi ad altro. (Mi viene in mente l’inasprimento delle pene per il dolo stradale e la violenza sulle donne… ma sono sicuro che il mondo del politicamente corretto saprà offrire spunti ulteriori e pressochè infiniti pur non affrontare il problema…).

    Report

    Rispondi

  • Ferny55

    03 Ottobre 2017 - 08:08

    L'FBI ha impiegato 11 ore per escludere qualsiasi connessione tra l'autore e l'ISIS. Strano però che lo stesso FBI dopo oltre 11 mesi non sia ancora in grado di dire nulla al riguardo dalla presunta ingerenza russa nelle elezioni americane.

    Report

    Rispondi

  • alessandro tantussi

    02 Ottobre 2017 - 22:10

    attenzione: certezze non ce ne sono, in un senso e nell'altro. Di fatto l'autore si era convertito all'Islam. Può darsi che sia solo un folle, ma anche no.

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      03 Ottobre 2017 - 10:10

      Si presentano più profili del comma 22: se l'assassino si era convertito all'Islam, allora questa strage è stata è stata perpetrata da un islamico. Ma se l'assassino era islamico, allora la strage è un incidente / lui era solo un pazzo e l'islam non c'entra nulla / la strage in realtà non è mai avvenuta / sono gli USA che finanziano l'ISIS / cui prodest / era un suprematista bianco false flag / era un agente della CIA (declinabile in numerose versioni riscontrabili sui soliti siti di fesserie per grillini), e via commentando come solito.

      Report

      Rispondi

Servizi