cerca

La strategia sbagliata di Rajoy

Gli scontri ai seggi, il boicottaggio fallito. Così il premier spagnolo ha perso ottime possibilità di far valere le sue tante ragioni contro un processo indipendentista azzardato e raffazzonato

1 Ottobre 2017 alle 19:52

La strategia sbagliata di Rajoy

Mariano Rajoy (foto LaPresse)

Barcellona. Fate conto di essere Mariano Rajoy questa sera, alla chiusura delle urne in Catalogna, dopo una giornata che è stata molto più pacifica di quello che è parsa sui media catalani e internazionali ma che, comunque, è stata dominata dalle notizie della violenza della polizia spagnola contro i pacifici indipendentisti catalani.

 

 

 

La storia è più complessa di così, ma nella foga del momento, con le immagini della polizia spagnola in nero e dei cittadini che piangono, si sono persi via molti degli argomenti di legalità e realismo politico che dominavano la discussione nei giorni scorsi.

 

Ma ecco, immaginate di essere Mariano Rajoy. Ventiquattro ore fa, alla vigilia del voto, avevate sostanzialmente due opzioni a vostra disposizione: o evitare del tutto il voto con una operazione di polizia chirurgica ed efficace, passando per antidemocratico, sì, ma sigillando il problema catalano in un sicuro cordone di sicurezza, oppure lasciare che la Catalogna votasse, passando per un tardivo David Cameron ma affrontando i passi successivi da una posizione di legittimità rinnovata. Arrivate a stasera. Queste due opzioni ve le siete rovinate entrambe.

 

Gli errori strategici dello stato spagnolo sulla questione catalana sono antichi e noti ma finora, grazie a un buon mix di strategie azzeccate e stratagemmi, il governo era sempre riuscito a far valere la voce della legalità. Ma davanti alla sfida particolare del referendum dell'1-O, si può dire che Madrid abbia sbagliato ogni scelta importante e perso ottime possibilità di far valere le sue tante ragioni contro un processo indipendentista azzardato e raffazzonato.

 

Il governo centrale avrebbe potuto fare un'operazione di polizia notturna, massiccia ed efficace prima della concentrazione dei manifestanti a ogni seggio. Avrebbe potuto obliterare i Mossos d'Esquadra, inviare la polizia a tutti i seggi e bloccare ogni possibilità di voto. Invece si è mosso tardi, quando migliaia e migliaia di persone erano ormai mobilitate, ed è successo quello che sappiamo.

 

Avrebbe potuto, altrimenti, lasciare che la gente votasse, evidenziare le palesi contraddizioni e irregolarità, e iniziare una battaglia politica e mediatica serrata contro le istanze indipendentiste. Invece ha deciso comunque di intervenire con manifestazioni di forza insensate, ed è successo quello che sappiamo.

 

C'era una terza opzione: quella del boicottaggio telematico. Pare che il governo ci abbia provato, alla vigilia del voto ha mandato la Guardia civil nel quartier generale delle operazioni telematiche di Barcellona e per tutta la giornata di domenica le operazioni di voto hanno subìto dissesti consistenti. Ma anche in questo caso l'obiettivo non è riuscito davvero, e alla fine la gente ha votato.

 

Insomma, sembra che il governo spagnolo abbia provato tutte le strategie senza una direzione precisa, fallendo in tutti i campi - e mostrando, nel caso della supposta "battaglia informatica", una grave impreparazione.

Così oggi Rajoy si trova nella posizione peggiore possibile: additato dall'opinione pubblica internazionale come picchiatore antidemocratico, ha perso definitivamente la battaglia del sostegno esterno pur avendo tutte le carte in regola per vincerla, e al tempo stesso non è riuscito a fermare il referendum. Quando infine il Parlament di Barcellona dichiarerà l'indipendenza, il premier spagnolo si troverà tutti gli occhi del mondo addosso, perché avrà lasciato che i suoi oppositori mostrassero al mondo solo una versione sbagliata o, quanto meno, parziale della storia: quella di un popolo oppresso da uno stato centrale illiberale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    02 Ottobre 2017 - 14:02

    Non c'è alcuna strategia sbagliata di Rajoy. Una grande nazione che si rispetti non può tollerare richieste di Stati indipendenti.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    02 Ottobre 2017 - 10:10

    Viva la Catalogna libera! Manco un cane ha ricordato che è stato un golpe in piena regola con violazione netta della costituzione . Anzi proprio questo aspetto pare sia stato considerato dagli opinionari italiani un merito , l'aspetto cogente per loro che infrangere le regole della sacra carta è la massima affermazione della democrazia. Bel colpo Joe . Platone Toqueville e qualche altro si saranno rotolati felici nelle tombe. Per me c'è stato il trionfo da parte della stampa e in genere dei media il massimo della disinformazione ( sto ascoltando la rassegna stampa di Bordin ) ,manipolazione sguaiata nei commenti. Che bello una gioia per chi legge o ascolta. luigi de snatis

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    02 Ottobre 2017 - 08:08

    Quale popolo oppresso. Qui siamo alla pazzia, alla demagogia di un gruppo che va contro la storia e la storia è unione non divisione. Qualunque cosa avesse fatto Rajoy, (ora il duro), sarebbe stata sbagliata. La pazzia è alla radice di questi spagnoli, si spagnoli che si vogliono ridistinguere e vanno loro contro la storia. Domani chiunque si svegli e, per qualsiasi ragione rivendichi una autonomia di secoli fa, come nel caso ora spagnolo e non catalano: che si fa? Se domani avessimo gli etruschi, poi i sanniti, poi i boi, poi i galli, poi i siculi poi i marsicani che rivendicano una autonomia di morti di fame? Che si fa? Li lasciamo andare? Poverini li hanno picchiati. Il meno che si possa fare. E non si sottovaluti la ripercussione socio economica che una divisione causerà. E lo sconquasso europeo? E i baschi dove li mettiamo? Sveglia e piantatela per quattro sane manganellate sulla testa di chi non ha capito un tubo di dove va la storia. A quando una manifestazione pro Spagna unita?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    02 Ottobre 2017 - 08:08

    Di errori e di strategie sbagliate in questa storia ce ne sono state a bizzeffe e non solo da parte del governo spagnolo. Da secoli se si va a leggere la storia della Catalogna, questa ambiva all'indipendenza o comunque ad una larga autonomia e sempre tale anelito gli è stato conculcato. Cosa avrebbe dovuto fare un governo avveduto? Avrebbe dovuto volontariamente concedere una larga autonomia alla Catalogna, concederle il diritto di trattenere una larga percentuale delle entrate fiscali (la Catalogna è la regione più produttiva della Spagna), il diritto di usare la propria lingua (alquanto diversa dallo spagnolo), ecc. In una parola fare quello che fecero i governi italiani di allora, prima con la Sicilia e poi, ancor meglio con il Trentino Alto Adige dove già erano cominciati gli attentati dinamitardi. Il bastone e la carota. Un imput del genere sarebbe dovuto venire anche dall'UE che invece ha fatto il convitato di pietra. Comunque sono ancora in tempo gli spagnoli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi