cerca

Lezioni irlandesi

La crescita da capogiro di Dublino è una road map anche per l’Italia

14 Luglio 2016 alle 06:15

Lezioni irlandesi

Matteo Renzi con il primo Ministro della Repubblica d'Irlanda Enda Kenny (foto LaPresse)

Il pil dell’Irlanda nel 2015 è cresciuto del 26,3 per cento. Sì, ventisei-virgola-tre. Non è un errore, ma una revisione della crescita annunciata dall’Irish Central Statistics Office martedì. Roba mai vista nemmeno in Cina, che fa strabuzzare gli occhi a tutti gli economisti. Due fenomeni spiegano i dati stratosferici: un aumento del numero di aerei importati in Irlanda per attività di leasing e l’impennata della massa di capitale delle multinazionali con sede nel paese. “Calcoli economici da leprechaun” (gli gnomi della mitologia irlandese dediti a burle e scherzi, ndr), si è affrettato a dire Paul Krugman. Il premio Nobel fattosi columnist deve essere rimasto piccato: l’Irlanda ha smentito tutte le sue peggiori previsioni. La Troika, le riforme e i tagli alla spesa pubblica hanno permesso ai celti di tornare tigri. Su una sola cosa Dublino ha resistito alla Troika e allo stesso Krugman, per una volta uniti nella lotta alla concorrenza fiscale: l’aliquota dell’imposta sulle società al 12,5 per cento. Quel tasso è la ragione che spinge le multinazionali globali a fare armi e bagagli per ragioni fiscali e trasferire la loro sede tra i “leprechaun”.

 

Al di là delle distorsioni contabili-statistiche, i numeri dell’Irlanda sono spettacolari. Nel 2015 il pnl, giudicato più affidabile del pil, è aumentato del 17,5 per cento. Prima della revisione, la crescita nel 2015 era comunque stimata al 7,8 per cento. I consumi sono aumentati del 4,5 per cento. Il mercato immobiliare si sta riprendendo. La disoccupazione è precipitata dal 15 al 9,4 per cento. Il debito pubblico, che era passato dal 23,9 al 123,7 per cento tra il 2007 e il 2012 a causa della crisi finanziaria, quest’anno dovrebbe tornare al 75 per cento. Dietro le cifre stellari di un’economia piccola e dinamica si nascondono pericoli vecchi e nuovi, come le bolle pronte a scoppiare e gli effetti della Brexit. Ma l’Irlanda mostra quel che deve fare l’Italia se vuole tornare a crescere. La chiave non è soltanto nella domanda, ma nell’offerta per attrarre investimenti stranieri.

 

Se Matteo Renzi vuole avvicinarsi a una tassazione in stile irlandese, basta che guardi al rapporto Ceriani del 2011 sulla Tax Expenditure in Italia che recensisce oltre 253 miliardi di deduzioni, detrazioni ed esenzioni fiscali a favore di categorie privilegiate, nel frattempo lievitate oltre i 300 miliardi. Il ministro dello Sviluppo Calenda, intervistato ieri dal Foglio, ha assicurato che un lavoro simile è in corso, speriamo. Le entrate tributarie totali nel 2015 ammontano a 436 miliardi. Toccando la Tax Expenditure, c’è ampio margine per tagliare Ires, Irep e perfino Irpef senza rischiare di violare il Patto di stabilità europeo. Nel momento della Brexit, più che strappare a Londra la sede di qualche agenzia finanziaria europea, occorre prepararsi alla guerra delle tasse per conquistare le imprese in fuga dal Regno Unito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi