cerca

Poltron system

Con il rinnovo di Cdp i 5 stelle scoprono che le “poltrone” significano potere

21 Luglio 2018 alle 06:00

Poltron system

Fabrizio Palermo (foto Imagoeconomica)

E dunque, alla fine, l’intesa su Cassa depositi e prestiti è arrivata: a spuntarla è stato Fabrizio Palermo, attuale direttore finanziario. Una nomina “interna”. Sarà lui, e non Dario Scannapieco, il prossimo ad del bancone di stato. Ma a vincere, al termine di una trattativa protrattasi per settimane per via di divergenze tra Lega e M5s, sono stati i pentastellati, i quali sono riusciti a imporre il candidato alternativo al direttore della Banca europea degli investimenti e sostenuto dal ministro dell’Economia Giovanni Tria. E così ieri esultavano i grillini che, direttamente coinvolti nella partita, hanno messo il cappello su Palermo. E, in un certo senso, hanno ragione nel farlo. Evidentemente anche loro, accomodatisi nel Palazzo, cominciano a essere non del tutto immuni all’ebrezza dello spoil system. Hanno scoperto, insomma, che battersi per piazzare i propri uomini nei posti nevralgici della macchina statale non solo è importante, ma è perfino un atto per nulla deprecabile. Anzi necessario. Per anni, protetti dall’aura d’innocenza di chi sta all’opposizione a prescindere, hanno condannato qualunque trattativa per le nomine nelle partecipate di stato (“inciucio!”); nei mesi gravidi d’incertezza per la formazione del governo, ci hanno ammorbato con la manfrina patetica per cui “per la prima volta vengono prima i programmi, e non le poltrone”. Ora, evidentemente, hanno scoperto che non è così. Scegliere le persone giuste – quelle, almeno, che giuste si ritengono – alle quali affidare incarichi importanti, non è un mero esercizio di occupazione di cadreghe. E’ una responsabilità importante per chi vuole che i propri progetti non restino sulla carta, ma vengano attuati. Magari, però, la prossima volta, ci si risparmi il teatrino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi