Cosa c'è nel decreto rilancio e come funzionerà la distribuzione del vaccino per il Covid

Giuseppe De Filippi

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati per voi da Giuseppe De Filippi

Bene no? c'è un super decreto, ora da emendare e sistemare un po', ma c'è. I soldi da distribuire sono tanti e le rinuncie del fisco sono altrettanto di rilievo. Far saltare in corso la rata Irap non è mossa da poco e tocca un grandissimo numero di imprese e anche studi professionali. Togliere una scadenza Imu e la Tosap (occupazione suolo pubblico per bar e ristoranti) significa alleviare gli impegni immediati. Se poi si aggiungono gli interventi per utenze e affitti, e, in prospettiva, anche la cassa integrazione, le attività economiche diffuse e il commercio (cui era dedicato questo intervento della fase 2, mentre per le grandi aziende conta ancora in buona parte ciò che è stato stabilito con precedenti decreti ma che ora viene integrato con consistenti azioni tributarie) ottengono un sostegno di tutto rispetto, realizzando l'esortazione che era arrivata da Mario Draghi. La mancanza di liquidità, tolti tutti questi adempimenti e scadenza, si riduce a un problema di cassa, che verrà alleviato dalla ripresa dell'attività economica e commerciale. D'altra parte prima o poi i flussi di cassa bisogna riavviarli, questo è ovvio. Nei primi mesi alcuni tipi di commercio e servizi soffriranno ancora di una compressione del possibile fatturato, ma altri no. Il sostegno al reddito in generale è la chiave per non far fermare il commercio. E gli effetti si vedranno nei mesi estivi che diventano molto significativi per capire se il calo del Pil verrà mantenuto nell'8% previsto.

 

 

Confindustria, cui era stato attribuito un proposito molto battagliero verso il governo, non ha commentato il decreto fino al pomeriggio. Va in avanscoperta la combattiva associazioni confindustriale del Veneto e apre la strada a una valutazione positiva. Riconoscendo che il decreto accoglie le richieste delle aziende e che ora diventa una base per lavorare a una riforma fiscale generale. Quindi sembra preludere a un cammino da fare assieme al governo in modo collaborativo per ottenere un rilancio non occasionale e di emergenza ma profondo e duraturo. Per dire solo il 21 marzo, commentando il Cura Italia, gli stessi industriali veneti venivano indicati come "in rivolta" nei titoli dei giornali.

 

Considerazioni miste arrivano dalle associazioni delle piccole imprese. Il taglio dell'Irap convince, ma c'è preoccupazione per i tempi dei trasferimenti di liquidità.  Mentre i costruttori segnalano che proprio le attesissime norme per lo sblocco degli appalti e dei cantieri, quelle per accelerare e diffondere qualcosa di simile al modello Genova, prima inserite nelle bozze, sono poi sparite. Dal Ministero delle infrastrutture dicono che il pacchetto di interventi a favore di lavoro e investimenti nelle opere pubbliche è pronto ma che Palazzo Chigi lo vuole inserire nel provvedimento sulle semplificazioni, in arrivo tra pochi giorni (si spera).

  

Regola generale degli aiuti alle imprese: non bastano mai. Avete mai sentito imprenditori che ringraziano, che riconoscono lo sforzo fiscale fatto per sostenerli? Ah, è regola mondiale.

 

 

Teresa Bellanova può celebrare un risultato di grande rilievo. Contano zero gli insulti di stupidità inarrivabile con cui viene attaccata per la commozione mostrata durante la conferenza stampa.

 

 

Le decisioni delle regioni, finora.

 

 

La ripresa secondo Olivier Blanchard.

 

 

Dispiace, ma se c'è mai un assembramento, appiccicoso, con distanziamenti tra i 3 i 5 centimetri, e droplet lanciate ovunque, favorite anche dalle c e dalle t senesi, quello è il Palio di Siena. Saltano entrambi gli appuntamenti, luglio e agosto.

 

 

Non arriverà l'immunità di gregge.

 

 

Ma Sanofi non darà priorità agli USA per la futura distribuzione del vaccino.

 

Tesi che non sorprendono, ma che sono molto importanti.

 

 

La matematica elementare ci dice che a queste condizioni il test è esattamente come non farlo, quindi così fa solo danni (con gli errori).

 

 

Donald Trump e Anthony Fauci ormai come Sandra&Raimondo della politica sanitaria

 

 

Tema per cena, anche per dopo.

 

 

Ryanair vs covid-19, la partita si chiude in luglio

 

 

Il petrolio riparte dolcemente.

 

 

Mentre si prepara una stagione tosta per gli uragani.

 

  

A giugno, il 13 esattamente, si riprende il campionato di serie A, l'impegno viene, coraggiosamente, dal presidente del Coni Giovanni Malagò