Dalla truffa del programma M5s all'Europa di Macron. Di cosa parlare stasera a cena

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati da Giuseppe De Filippi

17 Aprile 2018 alle 18:04

Dalla truffa del programma M5s all'Europa di Macron. Di cosa parlare stasera a cena

Se vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di Giuseppe De Filippi, "Di cosa parlare stasera a cena", clicca qui.

 


  

Mentre i partiti aspettano le decisioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, i programmi politici cambiano. O meglio cambia quello del Movimento 5 stelle, come ha scoperto oggi Luciano Capone sul Foglio, che prima delle elezioni ne presenta uno da far votare agli iscritti di Rousseau e poi lo cambia senza dire niente a nessuno. A cena potete pure guardare il bicchiere e parlare di trasparenza. Se la parola ha ancora un senso nel mondo grillino.

 

Dal blog delle stelle i grillini dicono che tutto questo è una fake news, che "quelle pubblicate il 21 febbraio 2018, erano chiaramente versioni provvisorie, sviluppate all'interno di gruppi di lavoro ad aprile dello scorso anno e che poi sono state oggetto di ulteriori modifiche", che insoma "il programma del MoVimento 5 Stelle è quello votato dagli iscritti". Peccato che non sia vero, perché cambiano le posizioni su diverse materie e cambiano le linee guida.

 

Montano intanto le proteste. Per Davide Faraone del Pd, questo è "trasformismo 4.0", e "che la cantilena ripetuta da Di Maio sui programmi compatibili è una truffa". Luigi Marattin fa inoltre notare che "in Commissione Speciale il M5S - quello che tuonava contro le spese militari - chiede al Governo rassicurazioni (leggete le ultime righe in fondo) sul fatto che le previste spese militari vengano comunque portate avanti". Insomma, un cortocircuito a 5 stelle.

 

Intanto l'Emmanuel Macron di Strasburgo, quello che oggi ha parlato davanti al Parlamento europeo, si è dimostrato meno ottimista dell'Emmanuel Macron della Sorbona. "Sta emergendo una sorta di guerra civile europea", perché "stanno venendo a galla i nostri egoismi nazionali e il fascino illiberale", con un continente diviso "tra Est e Ovest, tra Nord e Sud, tra Paesi piccoli e grandi". Cambio di rotta, avviso di pericolo o intoppo di cammino? Parlatene a cena.

 

Peggio di Macron sta sicuramente Donald Trump e i suoi problemi, più che dalla Siria, vengono da alcune carte di New York, quelle trovate nello studio del suo avvocato Michael Cohen. Il New York Times riassume così la situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi