Cosa sanno Google e Facebook di ognuno di noi

Ogni giorno possiamo cercare su Google quello che ci interessa, ogni giorno possiamo interagire su Facebook con chi vogliamo. Ma che tutto questo sia gratuito, non ci dovremmo scommettere

21 Novembre 2017 alle 17:55

Cosa sanno Google e Facebook di ognuno di noi.

Ogni giorno effettuiamo gratuitamente decine di ricerche su Google, probabilmente molte più volte accediamo gratuitamente su Facebook per vedere cosa scrivono amici e cosa scrivono le "Pagine" a cui abbiamo messo Mi Piace nel tempo. Una serie incredibile di contenuti ci vengono forniti gratuitamente in ogni istante della nostra vita digitale. Sembra che il gratuito sia la dominante di questo grande bazaar dell'informazione digitale, ma qualcuno disse tempo fa: "Se il servizio è gratuito, il prodotto sei tu" e forse tutti i torti non doveva averne.

 

Qualche settimana fa fece scalpore un video, visto da oltre un milione di persone, di un blogger americano che testimoniava come citando delle parole specifiche in presenza del proprio smartphone, poco dopo apparissero annunci pubblicitari inerenti i temi del discorso poco prima fatto. (in realtà il video è del Luglio del 2016 ma solo a inizio Novembre 2017 è diventato famoso in Italia).

Onestamente nessuno dotato di buon senso può pensare che allo stato attuale delle cose, Facebook riesca a catturare quello che diciamo in prossimità del nostro smartphone. Ben diverso è quando conversazioni e messaggi avvengono tramite l'ecosistema di Facebook, come Whatsapp e Messenger. In fondo cosa può impedire a Zuckemberg di intercettare singole parole (che potremmo chiamare topic o key) di un discorso e riuscire a dare questo dato ai propri insersionisti? Nulla.

 

Ad oggi il guadagno di Facebook è legato prettamente alla profilazione di tutti i suoi iscritti: età, sesso, orientamente religioso e politico, interessi, passioni, città, relazioni e qualsiasi altro tipo di comportamento o azioni svolta sul social. Tutta questa parte di noi stessi che riversiamo sul social, permette a Facebook di profilare ulteriormente ogni utente. Tutti questi dati sono il vero oro di Zuck che può rivendere ai propri inserzionisti.

 

Nn dovrebbe farlo? Facebook è un'azienda che genera tanti soldi, nel 2017 capitalizza 520 miliardi di dollari e negli ultimi tre anni i suoi ricavi sono balzati da quasi 8 a quasi 28 miliardi. Business in business.

 

Ma anche Google non è assolutamente da meno, basti pensare che chiunque disponga di uno smartphone con Android e utilzzi un profilo Google (ad esempio la posta Gmail configurata sul proprio smartphone), può letteralmente veder scorrere la propria vita sullo schermo. Nulla di nuovo sotto al sole, pensandoci bene la fortuna di Google è stata proprio quella di poter dare agli inserzionisti la possibilità di mostrare i propri annunci pubblicitari in base a quello che cercavano gli utenti, arrivando anche a situazioni che possono aver sicuramente generato imbarazzo, come quella volta in cui Vittorio Zucconi su Twitter:

Questi sono alcuni esempi noti e meno noti:

Alla luce del fatto che tutte le nostre informazioni e i nostri dati, che inevitabilmente fanno parte della nostra vita privata, diventino un prodotto; siamo ancora sicuri che Google e Facebook siano gratuiti?

Alessandro Giagnoli

Sposato e padre di quattro giovani promesse dell'umanità, da oltre quindici anni segue il mondo digital e ne racconta i fatti e retroscena. Nel board di MovingUp dal 2015 come Seo e Project Manager. Dal 2017 scrive sul Foglio di questioni legate al mondo digitale.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    24 Marzo 2018 - 08:08

    Boh... io so che Amazon mi propone le cose che ho già comprato.

    Report

    Rispondi

Servizi