cerca

L’incerto dialogo

Due filosofi e l’essere: un confronto utile ma apparente, o effettivo ma inutile. Comunque rivelatore della storia che ci attraversa

20 Agosto 2018 alle 10:56

L’incerto dialogo

Pieter Paul Rubens, “I quattro filosofi”, 1611 (Firenze, Galleria Palatina). “Per lumi sparsi” è l’ultimo libro di Vincenzo Vitiello, che con Emanuele Severino ha pubblicato “Dell’essere e del possibi

Dialoghi che incorniciano saggi. Saggi che intrecciano figure del mito e della poesia, scrittori e filosofi, immagini e concetti. A intervenire nella conversazione che funge da prologo un regista, un attore e un’attrice; e poi un pittore, uno scienziato, un poeta, un amico filosofo e un narratore: Per lumi sparsi, l’ultimo libro di Vincenzo Vitiello (per Moretti & Vitali) costringe a domandarsi ancora una volta perché la filosofia abbia abbandonato la forma dialogica che gli diede, al suo sorgere, Platone....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Massimo Adinolfi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    20 Agosto 2018 - 16:04

    Il ponte Morandi richiama alla mente il mariuolo Mario Chiesa. Ne seguì quello sbracato impeto moralistico, populista, possiamo dirlo?, che è stato lo sfondo cupo degli ultimi venticinque anni di italica cronaca. Si riparte: stessa spiaggia, stesso mare. Sembra una diabolica trama del destino.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    20 Agosto 2018 - 15:03

    “Ovvero: la filosofia per voce sola, che intesse da sola i suoi significati e da sola giunge sino alla verità, non basta più.” Al poveretto, sprovveduto, incolto, spontaneamente, innocentemente, sine ira ac studio,viene da dire: “Sarà mica perché ci intestardiamo da millenni a pretendere che col logos, col pensiero, si possano far volare come rondini le tartarughe?” Infatti ricorriamo al teatro. L’incantevole luogo dove possiamo “aggiustare” il legno storto. Comunque l’impegno dialettico e semantico, la passione sincera che emergono dal confronto Vitellio – Severino, non sono fugaci falene. Esprimono in pieno i tormenti esistenziali dell’uomo. Non credo possano avere una composizione. Ed è bene sia così.

    Report

    Rispondi

    • riflessivo

      21 Agosto 2018 - 00:12

      Sì condivido. E' un bene che sia così. La filosofia non può far volare le tartarughe però può far volare noi con il pensiero ben diretto e argomentato!

      Report

      Rispondi

Servizi