“Cinque regni risorgono dal ritiro dell’impero americano”. Il libro di Bernard-Henri Lévy

“Contro l’occidente stanco e disfattista”. Si intitola L’Empire et les cinq rois il canto del cigno che BHL dedica all’occidente

1 Aprile 2018 alle 06:00

“Cinque regni risorgono dal ritiro dell’impero americano”. Il libro di Bernard-Henri Lévy

Foto tratta dal profilo Facebook di Bernard-Henri Lévy

Roma. “L’occidente è rovinato?”, si chiede Bernard-Henri Lévy sulla copertina dell’Express di questa settimana. L’occasione è il nuovo, atteso libro del “philosophe” più philosophe di tutti, per tutti “BHL”, la cui carriera nella politica francese è stata un crescendo da quando entrò a far parte dei saggi di François Mitterrand, al fianco di Jacques Delors, Michel Rocard e Jacques Attali. Si intitola L’Empire et les cinq rois il canto del cigno che BHL dedica all’occidente, in uscita il 4 aprile e anticipato dal magazine francese Express. “L’America fu fondata da latinisti che conoscevano a memoria l’Eneide di Virgilio; che avevano la sensazione, questi Padri fondatori, di essere gli eredi di Enea in fuga dalle rovine di Troia e che attraversano i mari per reinventare Troia a Roma” dice BHL sull’America. “La vera crisi dell’America è qui, in questa dimenticanza del patrimonio europeo”. Nel 1977 con “La barbarie dal volto umano” Bernard-Henri Lévy espresse il proprio pessimismo nei confronti del socialismo, veicolo più di barbarie che di liberazione. Adesso con questo nuovo libro parla della crisi occidentale.

 

L’impero del titolo è quello americano, dalle cui rovine stanno risorgendo i cinque regni che consideravamo perduti: Russia, Cina, Iran, Turchia e paesi arabi. A chi gli dice che nessuna primavera araba ha funzionato, specie la Libia in cui BHL ha sponsorizzato la guerra, il filosofo risponde: “Conosco un solo caso nel mondo di un paese che è passato, in un colpo solo, da una notte all’altra, dal nulla alla democrazia: Israele”. Le democrazie sono sempre state anti interventiste. “Durante il genocidio degli armeni, nel 1915. Durante la guerra civile spagnola, nel 1936. Durante l’Anschluss, nel 1938. Durante la rivolta di Budapest, nel 1956. E ancora quando la Polonia si levò contro i sovietici, nel 1981. L’eccezione è il coraggio di intervenire”.

 

L’America non sembra aver più interesse e voglia. “Per me è il fenomeno più enigmatico e disastroso del momento. E da questo punto di vista, Barack Obama e Donald Trump sono due facce della stessa medaglia. Se l’America dovesse voltare definitivamente le spalle alla sua vocazione originaria, ci sarebbe solo l’Europa ad assumere il controllo della fiaccola delle democrazie”. Ma lo farebbe? “Questa incertezza, lo ammetto, mi terrorizza”.

 

Che prezzo si paga a ritirarsi? “Questo jihadismo che ci colpisce a casa e che è l’ultima perla nera vomitata dall’ostrica del nazismo”. BHL parla della “stanchezza democratica” e del “disfattismo culturale”. “Il vero ‘declino dell’occidente’ è questo: quando, come in Kurdistan, non siamo più in grado di difendere i nostri valori”.

 

L’occidente doveva fermare Erdogan contro i curdi ad Afrin. “Ma avrebbe richiesto l’intrepidezza di Churchill”. Israele è l’unico stato a sostenere l’indipendenza del Kurdistan iracheno. “In Israele c’è un sentimento di affinità elettiva del popolo ebraico con il popolo curdo. Meglio: una comunità di destino. I sopravvissuti dell’Olocausto che hanno fatto Israele, i loro discendenti, i discendenti dei loro discendenti, non ignorano il tormento di essere un ‘popolo in eccesso’”.

 

Già, Israele. “Lì c’è la grandezza dei princìpi metafisici che hanno fatto l’Europa e, quindi, l’occidente”. Se la prende anche con il relativismo di “una società che ha perso gli ultimi scrupoli che la collegavano ai pilastri trascendentali della verità e che il mio maestro Jean-Toussaint Desanti chiamava le ‘idealità matematiche’. In altre parole: gli universali”.

 

Il rischio è “nichilismo contro nichilismo”. “L’America, se dovesse diventare un impero del niente, lascerebbe il campo libero alla ‘volontà del nulla’ dei cinque re”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Zamax

    01 Aprile 2018 - 10:10

    BHL è un rappresentante dell'occidentalismo malato, di stampo progressista-democraticista-giacobino, non dell'occidentalismo cristiano, conservatore, guidato dalla prudenza. Questo occidentalismo malato si è risvegliato proprio perché il grande nemico sovietico è crollato. Il progressismo che prima ci sputava sopra si è allora convertito o ri-convertito all'idea dell'Occidente al solo scopo di declinarlo alla propria maniera anti-cristiana. BHL è uno di quei filosofi che per primi hanno cominciato a riposizionarsi nel momento in cui le crepe del comunismo si facevano sempre più evidenti. La Russia nuovamente cristiana di Putin (per quanto di falso e cesaro-papista ci possa essere in questa rinascita) è diventata - ridicolmente - quell'Impero del Male che ai tempi dell'URSS il liberal-progressismo si rifiutava di vedere. Ma essa, con tutti i limiti "democratici" figli di una storia che non va al ritmo degli auspici degli intellettuali da salotto, è oggi, in senso lato, Occidente.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    01 Aprile 2018 - 09:09

    BHL, meno male, lo leggeremo. Vien da chiedersi come mai qui in Italia non spira più nemmeno uno zefiro di alta e lungimirante visione della realtà: solo rottami ideologici ancora fumanti in uno stagno di sessantottarda kultura Media Unificata, ossia analfabetismo di massa e barbarie di ritorno. A proposito del Regno Russo però mi pare che biblici settant'anni di vaccinazione bolscevico abbiano sgomberato la mente e predisposto i russi ad una chiara consapevolezza di appartenenza ad un'identità culturale e religiosa sempre più chiara e convinta. Quando parla, mi sembra sia Putin in grado di dar lezioni all'Occidente, non viceversa. Impressionata, il Grande Wojtya, quando insisteva molto, oltre ai Diritti dell'uomo, a rivendicare il Diritto dei Popoli.

    Report

    Rispondi

Servizi