Mantova la città dei fantasmi

Dietro al caso del sindaco della città lombarda, indagato per concussione a luci rosse, ci sono le streghe, la massoneria e il sesso. Pure il porno, come quello che si ritrova nel palazzo dei Gonzaga

Mantova la città dei fantasmi
Se fosse una sceneggiatura direbbero subito. Anche meno! Troppa roba, taglia! Ci sono infatti: la provincia più pittoresca da cartolina; un sindaco (presunto) zozzone; un massone; un’esperta di stregoneria. Il tutto a Mantova, capitalina dei Gonzaga che aveva appena cominciato a godersi questo sindaco super renziano.   Il sindaco, quarantenne di bella presenza, magro, un'aria spiritata dei quarantenni del Pd, è accusato di tentata concussione Arrivi a Mantova ed è lo scenario perfetto per questo giallo invernale: scendi dal treno,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi